La suddetta preghiera, se recitata con amore e fede, comporta la liberazione di quindici anime del purgatorio.

Premessa storica. La preghiera fu approvata da papa Innocenzo XI, 240° papa della Chiesa Cattolica. Fu nuovamente confermata da Clemente III e successivamente da Benedetto XIV con indulgenza plenaria. La medesima concessione venne poi confermata da Pio IX con l’aggiunta di 100 giorni di indulgenza. Cio avvenne nel dicembre del 1847.

Formula della preghiera. Si recita “sentimenti di Maria Santissima addolorata”, poi bisogna recitare 5 Credo, 1 Salve Regina, 1 Pater, 1 Ave, 1 Gloria secondo le intenzioni del Sommo Pontefice ed un Eterno riposo.

Preghiera 

 Sentimenti di Maria Santissima Addolorata quando ricevette nelle braccia il Suo diletto Figlio.

O fonte inesausta di verità, come Ti sei disseccato!
O saggio dottor degli uomini, come t’e ne stai taciturno!
O splendore di eterna luce, come Ti sei estinto!
O verace amore, come mai la tua bella faccia è divenuta deforme!
O altissima divinità, come Ti fai vedere a me in tanta po­vertà.
O amore del mio cuore, quanto è grande la Tua bontà!
O delizia eterna del mio cuo­re, quanto eccessivi e moltepli­ci sono stati i Tuoi dolori!
Signor mio Gesù Cristo, che hai comune col Padre e con lo Spirito Santo una sola e medesima natura, abbi pietà di ogni creatura e principalmente del­le anime del Purgatorio! Così sia.

Credo (x5) 

Io credo in Dio, Padre Onnipotente
creatore del cielo e della terra;
e in Gesù Cristo, suo unico Figlio,
nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo,
nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato,
fu crocifisso, morì e fu sepolto;
discese agli inferi;
il terzo giorno risuscitò da morte;
salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente;
di là verrà a giudicare i vivi e i morti.
Credo nello Spirito Santo
la santa Chiesa Cattolica,
la comunione dei santi,
la remissione dei peccati,
la risurrezione della carne,
la vita eterna.
Amen.

Salve Regina

Salve Regina, madre di misericordia, vita dolcezza e speranza nostra, salve. A te ricorriamo noi esuli figli di Eva; a te sospiriamo gementi a piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi e mostraci dopo questo esilio Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

Padre Nostro

Padre Nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo Regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen.

Ave Maria

Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

Gloria al Padre

Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli, nei secoli. Amen.

Eterno riposo

L’Eterno riposo dona loro
o Signore
e splenda ad essi la Luce Perpetua.
Riposino in pace.
Amen.

Annunci