1938: Tessera Fascista obbligatoria per lavorare. 2021: Green Pass obbligatorio per lavorare

Che cos’hanno in comune la Tessera del Partito Nazionale Fascista, abbreviata in Tessera P.N.F. e altresì conosciuta come Tessera del Pane o Tessera Fascista, e il Green Pass? Chiunque conosca la storia può da sé dedurre la similitudine, ad onor dell’analogia aristotelica e della deduzione tomistica. Hei, giacchè siete entrati, ci sono io che posso spiegarvelo. Quanto segue non lo sentirete mai in televisione.

Tessera Fascista

1

Il 29 marzo del 1928 1, viene stabilito che gli iscritti al P.N.F. avrebbero avuto precedenze nelle liste di collocamento. Il 28 marzo 1930 2, il tesseramento al partito da almeno cinque anni diviene requisito obbligatorio per ricoprire incarichi nel sistema scolastico quali presidi e rettori. Il 17 dicembre 1932 3 viene emanato il decreto del Capo del Governo, secondo cui l’iscrizione al P.N.F. diviene requisito fondamentale per il concorso a pubblici uffici. Il 9 marzo 1937 4 diviene obbligatorio se si vuole accedere a qualunque incarico pubblico. Dal 3 giugno 1938 5 (Regio decreto n. 827) non si può essere assunti nel personale salariato statale né si possono avere promozioni all’interno del medesimo personale in assenza della tessera.

  1. Francesco Luigi Ferrari, “Il Regime Fascista Italiano”, Roma 1983, Edizioni di Storia e Letteratura. Clicca qui.
  2. Antonio Gambino, Storia del PNF, Sugar, Milano, 1962, pag. 99
  3. Da storia.camera.it.
  4. Ottavio D’Agostino e Franco Giannantoni, Sono un fascista, fucilatemi!, Arterigere, Varese, 2004, pag. 149
  5. op. cit., ibidem.

2

Dal 1938 in avanti, la tessera fascista divenne obbligatoria per l’accesso al mondo del lavoro: qualora un cittadino non fosse stato iscritto al partito e non fosse stato provvisto di tessera, egli non avrebbe potuto essere assunto e sarebbe dunque stato destinato a rimanere disoccupato.

Sanzioni economiche di entità particolare erano previste per quei datori di lavoro che assumevano dipendenti sprovvisti di tessera e regolare iscrizione al P.N.F. L’obbligo della tessera per l’accesso al mondo del lavoro causò disagi nazionali e divisioni interne, con coloro che aderivano per necessità, pur divergendo dal pensiero politico del partito, e coloro che trasmigravano altrove pur di non aderire all’obbligo del tesseramento.

Green Pass o “Certificato verde”

1

Dal 6 agosto 2021, entra in vigore il Green Pass. Il certificato diviene obbligatorio per quanto segue:

  • Servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso;
  • Spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi;
  • Musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;
  • Piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;
  • Sagre e fiere, convegni e congressi;
  • Centri termali, parchi tematici e di divertimento;
  • Centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione;
  • Attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;
  • Concorsi pubblici.

Dal 6 agosto servirà, dunque, per accedere a qualsiasi tipo di servizio di ristorazione al tavolo al chiuso, spettacoli, eventi e competizioni sportive, musei, istituti e luoghi di cultura, piscine, palestre, centri benessere, fiere, sagre, convegni e congressi, centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali e ricreativi, sale da gioco e casinò, concorsi pubblici.

2

Dal 1 settembre, il green pass sarà obbligatorio per studenti e professori universitari, personale Ata, studenti di scuola superiore e docenti scolastici. Previste sanzioni severe: «Il mancato rispetto delle disposizioni è considerato assenza ingiustificata e a decorrere dal quinto giorno di assenza il rapporto di lavoro è sospeso e non sono dovuti la retribuzione, né altro compenso o emolumento»
I controlli sono stati affidati ai dirigenti scolastici. 

Sarà obbligatorio anche per treni, aerei, pullman, traghetti e navi per viaggi medio-lunghi.

“I titolari o i gestori dei servizi e delle attività autorizzati previa esibizione del Green pass sono tenuti a verificare che l’accesso a questi servizi e attività avvenga nel rispetto delle prescrizioni. 
In caso di violazione può essere elevata una sanzione pecuniaria da 400 a 1000 euro sia a carico dell’esercente sia dell’utente. Qualora la violazione fosse ripetuta per tre volte in tre giorni diversi, l’esercizio potrebbe essere chiuso da 1 a 10 giorni.

Giochiamo a “Trova l’intruso”?

Tessera Fascista Vs. Green Pass

  • Obbligatoria per incarichi nel sistema scolastico
  • Obbligatoria per concorsi a pubblici uffici
  • Obbligatoria per qualunque incarico pubblico
  • Obbligatoria per accedere al mondo del lavoro
  • Sanzioni economiche previste per assunzioni di personale senza tessera
  • Obbligatorio per incarichi nel sistema scolastico
  • Obbligatorio per concorsi pubblici
  • Obbligatorio per accedere al mondo del lavoro scolastico
  • Richiesto per accedere al mondo del lavoro in qualsiasi ambito
  • Sanzioni economiche previste per assenza del certificato in particolari ambiti lavorativi
  • Obbligatorio per viaggi esteri e viaggi nazionali di media-lunga portata mediante treni, aerei, pullman, traghetti e navi
  • Obbligatorio per accedere a qualunque tipo di servizio e attività culturale, ludica, sportiva, ricreativa, limitatamente al chiuso, e quant’altro

Le similitudini finiscono qua, e non per demerito della Tessera Fascista, ma per eccesso proprio del Green Pass; il certificato verde, difatti, ingloba un numero complessivo di vincoli ed obblighi di gran lunga maggiori rispetto alla storica Tessera del pane. Se questa si limitava al fabbisogno necessario di ogni uomo, il lavoro, il certificato va oltre, toccando ogni singolo ambito della società possibile, primaria così come secondaria, necessaria così come opzionale. Sagre incluse.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...