Nella Chiesa di Sant’Agostino di Grottammare c’è una coppia interessante: don Giorgio Carini + Adorazione perpetua

Il 28 giugno mi è capitato di andare a Grottammare dopo 4 ore e 50 minuti di viaggio estenuante. E non perchè ci volesse tanto per arrivarci, ma perchè i restringimenti di carreggiata mi stavano quasi portando a mettere tende in A14. Arrivo alle ore 13.21 circa (l’orario d’arrivo previsto era 11.30) ed un’aria estiva mi accoglie e mi coccola, facendomi quasi pentire di essere sceso senza nient’altro che un pantaloncino ed una maglietta lorda.

Mi incontro con una creatura che non vedevo dai tempi in cui il covid esisteva in un piccolo laboratorio, ma non era ancora stato diffuso. Quando ancora c’era la stretta di pace e l’acquasantiera. Sembra un tempo lontano e antico, ed invece no, è ieri. Lungo le strade non c’è quasi nessuno: la gente è riversata al mare o lungo i locali della costa. Salendo in via s. Agostino, la densità abitanti si azzera e sembra che soltanto noi due, io con le mie Adidas gazzelle, lei con gli stivaletti con il tacchetto (e siamo in estate), sembriamo esistere in quella via. Non c’è nessun altro apparte noi, salenti e piangenti, in questa valle di lacrime.

La costa marittima di Grottammare è uno spettacolo. La spiaggia libera e l’assenza di strutture capaci di coprire l’orizzonte, rendono la passeggiata sulla costa tra le migliori. Le stradine che salgono verso l’alto mi rievocano i tratti urbani tipici del meridione. E poi c’è quella salita che va verso via Sant’Agostino. In questa via si può sudare e perdere 10kg di liquidi se la si compie durante il periodo estivo. Uno dei piaceri di questa salita è la visione del mare che si ha man mano che si sale.

Raggiungo la Chiesa di Sant’Agostino di Grottammare, liberamente accessibile dalle 7 alle 24. L’area frontale d’accesso da sulla strada dove passano le macchine. Muratori, uomini con gli attributi, lavorano sulla strada. Lavori da ferragosto, sotto il sole e i 30°+ estivi. Non vorrei essere al posto loro! Entrato mi ritrovo in una Chiesa costruita nel 1500 d.c., le cui mura emanano odori antichi e un marmo da rinascimento. E lì in fondo c’è Gesù Sacramentato, perchè questa è una delle numerose Chiese in Italia ad offrire l’Adorazione perpetua. Se volete sapere la lista completa, cliccate qua.

L’Adorazione mi rigenera e mi rinfresca l’anima, compensando il calore corporeo provato durante la salita. Mi acquieto e mi pongo dinanzi l’Adorazione in silenzio. Siamo in poche anime, due o tre in tutta la Chiesa. C’è silenzio. I suoni esterni non subentrano. Poi si fa varco un sacerdote che si mette nella piccola area laterale, per le confessioni. Non lo conosco. Decido di confessarmi da lui, pur titubante e in preda a tentazioni di ogni sorta, per lo più spirituali. Alla fine, ciò che va fatto va fatto e la scelta di confessarmi prevale.

Mi ritrovo così con don Giorgio Carini. È seduto, quieto, mi saluta e ha in mano un rosario, lo noto pendente sul lato destro della sedia. Mentre mi confesso sgrana di continuo. Attua delle piccole osservazioni spirituali, dice cose che sono senz’altro delle ispirazioni. Sono ispirazioni corrette, frutto della preghiera, cadono al momento giusto. Questo mi fa capire di essere dinanzi non un santo ma un sacerdote di preghiera. Ciò è primario, fondamentale. Prima di essere sacerdoti bisogna essere uomini di preghiera.

Data l’Adorazione perpetua, la bellezza del posto, il pregio aggiuntivo della costa marittima e la qualità della confessione che è possibile fare con don Giorgio, non mi resta che consigliarvi questo piccolo punto della terra, dove troverete ristoro per la vostra anima e un reload spirituale di qualità. Vi lascio con l’indirizzo per la Chiesa di Sant’Agostino di Grottammare: se vi va e ne avete l’occasione, passateci. Quel che ha da offrire, è cosa buona e giusta.

Chiesa di Sant’Agostino,
via s. Agostino n.32,
Grottammare (AP)

sangiovannibattistagrottammare.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...