Elementi della Messa attuale post-covid che tanto piacciono ai modernisti, agli eretici e ai massoni

Da ormai un secolo è in atto un processo di demolizione della Chiesa Cattolica Apostolica Romana. E da ormai 60 anni e più che questo processo è in fase di attualizzazione, all’interno della Chiesa stessa. Dal Concilio Vaticano II in poi stiamo assistendo ad un tentativo graduale di de-sacralizzazione e de-dogmatizzazione della Chiesa. Riforma della Liturgia Sacra, modernizzazione del presbitero, contesti sacri ridotti a luoghi pagani di spettacolo e intrattenimento, il Vangelo confuso e impastato con le idee politiche e ideologiche del mondo, sacerdoti ridotti a emissari della politica sinistroide, paganizzazione delle parrocchie. C’è di tutto, lo si può vivere nel quotidiano così come lo si può studiare in quegli scritti che stanno raccontando il declino.

Con la riforma del Concilio Vaticano II, la Santa Messa ha perso parte della sua identità sacrale e dogmatica, vedendosi modificata, quindi deformata e di seguito desacralizzata con l’eliminazione del canto gregoriano, dell’inginocchiatoio, con l’introduzione della musica popolare, con la corruzione morale dei costumi del fedele, con la possibilità di prendere l’Ostia sulla mano, con la revisione degli atti costitutivi ed altro ancora. Oggi, dopo quanto successo, sono giunte ulteriori modifiche che deformano ulteriormente il Messale Romano. Determinati aspetti sono cambiati ed altri ancora sono stati rimossi: una Messa ancora più desacralizzata e sempre più modernista-folkloristica, alla strenua di un atto celebrativo culturale qualunque, totalmente privo del rispetto che si deve al Corpo e Sangue di Cristo.

Dopo il decreto covid19 del 18 maggio che sancisce il ritorno a Messa, siamo tutti ritornati in Chiesa e abbiamo così potuto osservare le modifiche e le addizioni che sono state apportate alla struttura Liturgica. E ovviamente ai fedeli illuminati non sono sfuggiti i dettagli che tanto piacciono ai modernisti e ai massoni, quelli che Lutero avrebbe voluto introdurre seduta stante con la riforma protestante, obliando il Messale Sacro e imponendo la sua visione di Messa al mondo.

Non sono mancate bocche critiche e nasi storti, fioccati nella comunità, dinanzi l’autorità della Chiesa. Se anche solo un elemento della Dottrina della Chiesa è in pericolo, il fedele ha diritto ad esprimersi affinchè si faccia qualcosa per salvaguardarlo dal compromesso e dal declino. Ogni fedele deve contribuire, in collaborazione ed in obbedienza al clero, alla salvaguardia della Dottrina della fede, affinchè questa non si perda ma si preservi nel corso del tempo.

“Quando avrete “modernizzato” la chiesa, quelli che erano dentro se ne andranno, ma quelli che erano fuori non entreranno”

— papa san Pio X

Dal ritorno alla Santa Messa abbiamo potuto constatare tutto quel piatto di elementi disposti dallao Chiesa Stato e divenuti parte integrante del Messale Romano 1969. Elementi che deformano il contesto sacro all’interno del quale avviene la Messa, aiutando a realizzare l’originale piano di Martin Lutero, l’eresiarca fondatore del protestantesimo, di modernizzare la Messa, evolvendola in Liturgia protestante e riducendola ad un atto culturale fine a se stesso. Desacralizzata, per l’appunto. Era l’obiettivo di Lutero nel 1517 nonchè l’obiettivo delle logge massoniche del 900′.

Ci sono riusciti?
Ci sono vicini.

Di quali elementi sto parlando? Vediamoli, vediamoli.

1) Ciao ciao all’acquasantiera – A partire da quando si entra si può notare la prima grande rivoluzione: l’assenza dell’acqua santa. Oggi c’è il gel, nel barattolo. Non c’è più l’acquasantiera. Per la gioia di chi non vuole l’acqua benedetta sull’anima. È uno dei macro-desideri di Satana. Via l’acqua santa, si al gel in barattolo. Si alla cura delle mani, no all’igiene dell’anima. L’integrazione del barattolino all’entrata è oltretutto ridicola.

2) Guantini e costumistica igienista – L’integrazione totale del culto igienista estremizzato dall’ignoranza umana. Ora il sacerdote indossa il guantino in plastica, che non si sa mai che il virus passi dalla mano alla particola Sacra. Così facendo si deforma la relazione con la Sacra Ostia, che anziché venir presa da mani consacrate, viene ora estratta dal Calice dai guantini in plastica. Altrove, invece, c’è direttamente l’uomo della disinfestazione condominiale. Questo lede al decoro che il presbitero dovrebbe avere durante la Santa Messa con il rischio di ridicolizzare il contesto sacro all’interno del quale avviene il Sacrificio di Cristo. E tutto così deformato, inadeguato, non consono, a livello formale ed estetico, che sembra di assistere ad una Messa alternativa di un qualche universo parallelo.

3) Addio prostrazio e gesto di pace – Come dimenticare il divieto di inginocchiarsi tra le panche, da sempre sogno del mondo protestante. Se la Chiesa ha sempre insegnato la cultura della prostrazio, della genuflessione, oggi invece ordina di non inginocchiarsi. Siamo nel paradossale reso legittimo. Inginocchiarsi durante la Santa Messa è proibito per evitare che il fedele inginocchiato si avvicini al fedele seduto nella panca frontale, come se la distanza naso-schiena fosse pericolosa per la diffusione del covid. Eppure, se tutti si inginocchiassero, quelli della panca dinanzi sarebbero comunque a debita distanza dal fedele inginocchiato di dietro. Ma alcuni di inginocchiarsi non ne vogliono sapere e non ne volevano sapere nemmeno quando ci veniva concesso! Figuriamoci adesso che viene addirittura proibito dalle normative ecclesiastiche. Quest’ordine elimina così un atto fondamentale nell’educazione del laico e rende legittimo rimanere in piedi in quei momenti in cui il Messale Romano RICHIEDE di inginocchiarsi. Assente anche il gesto di pace, con buona pace di Giacomo Carolei.

NOTA: L’immagine deriva dal profilo Instagram “amicitradizionecattolica” che risulta oggi scomparso. La foto deriva dal blog messainlatino.it.

4) Il capolavoro finale: obbligo dell’Ostia Divina sulla mano – quanto tempo hanno atteso i modernisti, i massoni e i satanisti per questo momento. Il tempo è terminato, la loro ora è giunta. Dopo un secolo di battaglie, finalmente l’Ostia in bocca è stata eliminata ed ora l’unica modalità consentita è sulla mano. Rigorosamente presa con guantino e posta sul palmo igienizzato del fedele, ora Cristo può dimenticarsi di venir poggiato sulla lingua. E ora il fedele dovrà da sé introdurre il Corpo ed il Sangue di Cristo nella sua bocca, per mano sua. Senza considerare gli abusi della disciplina sacramentale che sono stati fatti, come l’Ostia fai-da-te data in certe parrocchie, dove il fedele era tenuto a prendere il ‘pacchetto’ contenente l’Ostia e portarselo sulla panca o a casa per poi estrarre l’Eucaristia nel momento dell’atto liturgico. Misure preventive che ledono alla sacralità della Messa, rendendo esclusivo la modalità più osteggiata nella storia, quella che era sempre stata proibita.. fino al Concilio Vaticano II.

In buona sostanza... 
non ci si può fare il segno della croce con l'acqua benedetta, 
non ci si può inginocchiare, 
l'atto della pace è proibito 
e l'Ostia è possibile prenderla solo con guantino e sulla mano del fedele. 
Scenario impossibile ai tempi del Concilio di Trento. 
Scenario possibile soltanto oggi e che lede ulteriormente all'identità integrale della Messa.

La Chiesa, che non dovrebbe farsi comandare dai poteri materiali del mondo, deve quanto mai venire sostenuta dalle nostre preghiere, affinchè lo Spirito Santo illumini la via al papa, alla CEI e al clero tutto e affinchè l’uomo della Chiesa si ravveda e torni indietro. Siamo oltre il limite e dopo questo limite c’è il punto di non ritorno. La Chiesa che deforma la sua stessa Messa in totale obbedienza alle autorità civili, che nulla potrebbero contro la Chiesa, non è la Chiesa come Cristo la vorrebbe. È una Chiesa che va via via dimenticando Cristo per adattarsi alle leggi del mondo, inseguendone la causa, pur di evitare l’impopolarità di se stessa. Questo che stiamo passando è un periodo di tenebra, senz’altro dominato dall’oscurità. A noi non resta che andare avanti, perseverare, pregare e non abbandonare i Sacramenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...