Consacratevi al Cuore Immacolato di Maria! “Ad Jesus per Mariam”!

“Ad Jesum per Mariam

La figura di Maria, Madre di Dio, Regina di tutti i Santi e gli Angeli, gioca un ruolo cristico – fondamentale – nell’economia della salvezza e nel cammino di vita di ogni cristiano battezzato. Se infatti si va in Cielo facendo la Volontà di Dio e non semplicemente facendosi carico del Suo nome come i pagani (Non chiunque mi dice: «Signore, Signore», entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, Matteo 7, 21-29), se le modalità salvifiche, rivelate e stabilite nel Nuovo Testamento, sono compiute, se ci si salva lasciando questo mondo in stato di grazia (in comunione con Dio) e se si preserva lo stato di grazia rimanendo in comunione con Cristo, nel cuore e nella partecipazione del Regno di Dio (i Sacramenti), si può in aggiunta affermare che Maria è colei attraverso la quale si giunge a Cristo.

Se le modalità salvifiche sono dunque cristo-centriche, cosicché tutta la finalità della Salvezza dell’Anima è in Cristo e con Cristo e se la salvezza stessa dipende dal libero arbitrio in collaborazione con la Grazia Divina, bisogna ricordare che senza la Madonna si esclude una componente implicita del piano salvifico. E dunque mettendosi sotto il manto della Madonna e lasciandosi tener per mano dalla Mamma Celeste che si giunge a Gesù, ci si tiene sotto la potestà di Cristo, giungendo alla salvezza finale.

Si arriva a Dio
attraverso Cristo
e si arriva a Cristo
attraverso Maria.

Lo Spirito Santo si è voluto unire a Maria, Sua Sposa fedele 1, per donarci il Nuovo Testamento (Cristo), il Figlio di Dio, Redentore e Salvatore dell’Umanità. Cristo ci è stato offerto, donato, attraverso Maria. Egli, il Redentore, ha poi dato Sua Madre come Madre di ognuno di noi 2, Ancora di salvezza, Mediatrice di tutte le grazie 3, generate e concesse da Cristo per intercessione di Maria, Avvocata del genere umano 4, colei che «influisce perfino su Dio stesso» 5, colei che funge da Materna Intercessione Universale per la Salvezza del genere umano e come colei che porta a Cristo, proteggendoci con il suo manto e intercedendo per noi presso Suo Figlio. Il culto e la devozione mariana hanno origini scritturali e fanno da sempre parte del Magistero della Chiesa Cattolica.

1 cfr. papa Leone XIII, Divinum Illud munus, 9 maggio 1897.
2 26 Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco il tuo figlio!». 27 Poi disse al discepolo: «Ecco la tua madre!» Giovanni 19,18-30 (Bibbia | Nuovo Testamento).
3 Enciclica papale Ad Diem Illum Laetissimum, papa Pio X, 1904.
4 Mariofonia, apparizioni di Amsterdam (1945-1959), messaggi a Ida Peerdeman, 4 aprile 1954.
5 cfr. Trattato della Vera Devozione a Maria, san Luigi Maria de Grignion de Montfort, ed. Shalom, cap. “Grandezza di Maria”, pag. 39 (Lo sto leggendo!!!).

Vivere sotto il manto della Madonna è un atto arbitrale puro: dobbiamo volerlo noi e deve venire da noi liberamente, come atto di amore libero, consensuale, volontario. Ci si mette sotto il manto della Madonna, unendosi alla Madre di Dio, deliberatamente, senza forzature. E si sta con lei, camminando mano nella mano, con la recita quotidiana del Santo Rosario, alimentando la propria personale devozione mariana, mantenendo e rinnovando quotidianamente il nostro personale rapporto con Lei, affinchè la promessa di unione a Maria e la nostra relazione con Lei non vadano perdute. A ciò si aggiungono pratiche di devozione interiori ed esteriori, pubbliche e private. Ed infine ci viene in dono uno degli atti più belli e importanti che un cristiano possa fare: la Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria!

Hai letto bene fratello

Paura eh? 😉

La Consacrazione al Cuore Immacolato è una conseguenza naturale della propria devozione a Maria Santissima. Essa è un dono e non va ridotta né interpretata come pratica di culto tradizionale ‘esteriore’, come potrebbe esserlo una bellissima processione mariana con la Statua della Madonna dal punto X al punto Y (ed anche nelle suddette processioni può avvenire la Consacrazione!). La Consacrazione ‘specifica’ al Cuore Immacolato di Maria va oltre ed è qualcosa di più, di differente, di intimo. L’atto della Consacrazione, infatti, sancisce una volontà, una promessa, un atto arbitrale che va poi mantenuto e onorato per tutta la vita.

La Consacrazione al Cuore Immacolato parte da un atto arbitrale della nostra volontà (dobbiamo volerlo con il nostro cuore spontaneamente), si compie attraverso una preghiera di consacrazione (che può venir preceduta da un cammino) e si valorizza (o preserva) quotidianamente con un atto altrettanto arbitrale della nostra volontà (significa rimanere coerenti e fedeli alle promesse della Consacrazione: amarla nel proprio cuore, esercitare la propria devozione e recitare il Rosario quotidiano – E le suddette pratiche, essendo parte dell’ABC della Fede e del proprio ‘rapporto mariano’, vanno già vissute indipendentemente dalla Consacrazione). Non basta recitare la preghiera di consacrazione e poi “vado a fare quello che voglio” per far si che la Consacrazione abbia effetto: bisogna poi rimanere coerenti e uniti a Maria! C’è bisogno che ve lo dica io? Nah..

La Consacrazione può ovviamente essere vissuta e compiuta da soli, individualmente, singolarmente e privatamente, senza il supporto alcuno di cammini di gruppo. Parallelamente, per chiunque lo desiderasse e lo volesse, può anche essere fatta in gruppo. Di per sé, la consacrazione parte dunque da un atto arbitrale spontaneo e avviene attraverso una preghiera di consacrazione canonica (ufficiale) che deve venire recitata da se stessi. Ci sono varie preghiere di Consacrazione disponibili. Come esposto, prima della Consacrazione, è possibile vivere un cammino di preparazione alla Consacrazione al Cuore Immacolato.

Abbiamo dunque vari cammini (personali, privati e solitari) e varie modalità disposti dai tesori della Chiesa, che si possono vivere per giunger poi alla Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria. Questi cammini possono essere fatti sia da soli, individualmente e privatamente, che in gruppo, liberamente. Questi cammini di preparazione disposti dai santi sono desideri dello Spirito Santo, se sono stati così fervidamente ispirati ai santi stessi, e portano alla propria intima, privata e personale Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria!

Tra i vari cammini di preparazione per Consacrarsi al Cuore Immacolato di Maria, abbiamo i 33 giorni di preparazione ideati da padre Michael Gaitley, The Path to Total Consecration to Our Lady in the Spirit di St. Maximilian Kolbe e il Mese di preparazione alla consacrazione totale di san Luigi Maria Grignion di Montfort. Quest’ultimo è di gran lunga il cammino suggerito più ‘imperante’ e vissuto nella storia della Chiesa assieme al cammino ideato da santo Kolbe.

Vediamo,
nello specifico,
alcuni dei cammini
di Consacrazione totale
a Maria.

  • (1) Il cammino per la consacrazione totale a Maria (St. Kolbe) – Il cammino di preparazione per la consacrazione a Maria voluto da St. Massimiliano Kolbe, fondatore della Milizia dell’Immacolata, è uno dei più belli, ‘alti’ (che pretendono un impegno serio e continuativo da parte di colui che vuole fare il cammino) e ‘vissuti’ al mondo. Così come specificato dal padre fondatore, padre Kolbe, ci sono tre modalità per consacrarsi nella M.I., in accordo con le indicazioni del santo (le riprendo direttamente dal sito ufficiale italiano!):
    1. Singolarmente e spontaneamente, secondo lo Statuto originale redatto dal Fondatore medesimo: MI di 1° grado;
    2. In forma associativa, a norma dell’art. 1 dello Statuto generale: MI di 2° grado;
    3. In maniera totale e incondizionata, in organismi legittimamente autonomi, dediti in maniera esclusiva alla causa dell’Immacolata: MI di 3° grado. (Es. Istituti di religiosi ecc..).
      • Potete visualizzare il cammino di preparazione anche e direttamente dal sito americano della M.I.: CLICCA QUI. Sono stati disposti, per la fruizione gratuita, i materiali per la preparazione.
  • (2) Trattato della vera devozione a Maria: con preparazione alla consacrazione totale (St. Luigi Maria Grignion di Montfort) – È il cammino di preparazione più vissuto al mondo. Include letture, preghiere, litanie e novene in virtù della Consacrazione. San Giovanni Paolo II fu un devoto di san Luigi Maria de Montfort, fece uso delle sue parole per il proprio personale motto papale e aiutò la divulgazione dell’opera “Trattato della vera devozione a Maria”, tant’è che scrisse perfino una lettera a riguardo. Generalmente, il cammino di preparazione si snoda attraverso 4 settimane.
  • (3) 33 Days to Morning Glory (padre Michael Gaitley) – Riporto da aletelia.it “Attualmente uno dei metodi più popolari di consacrazione, questo libro di padre Michael Gaitley vi accompagna in 33 giorni di letture di 5 minuti per preparare il vostro cuore ad essere consacrato al Cuore Immacolato di Maria. È un metodo basato sugli scritti di San Luigi Maria Grignion di Montfort e semplificato di modo che chiunque possa partecipare”

Generalmente, per chiunque ne faccia uso, si consiglia di vivere questi cammini con calma e dedizione, nel tempo, facendoli durare quanto meritano (si parla di un mesetto). Recitare la preghiera di Consacrazione è cosa assolutamente suggerita, ma fare in aggiunta uno di questi cammini è altrettanto utile e significativo! Che aggiungere?

Consacratevi al Cuore Immacolato di Maria!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...