La domenica è la festa del Signore (e nient’altro)

Qualcuno si ricorda il significato cristiano della domenica? (domanda non retorica) Qualcuno ha in mente cosa dicevano, i ragazzi catechisti del secolo passato, nostri educatori teorici, durante le lezioni di catechismo sulla domenica, in un 1998, in un 2000 o in un 2003? È probabile che ci si ricordi, in sostanza, che la domenica fosse il giorno del Signore, era di precetto e che si andava a Messa ogni domenica per incontrarsi con Lui.

[inframezzo: Medugorje e Santa Messa: sai quanto è bella?]

Le esplicitazioni catechistiche, grazie alla profondità intellettuale del Vangelo, potevano assurgere ad una spiegazione più complessa e divenire autentici elaborati di Dottrina e Fede. Ma ai bambini si semplifica e si presenta “Il Signore in versione semplice”, com’è giusto che sia, senza tuttavia snaturare la dottrina rivelata di Cristo.

Comunque sia, per noi, la domenica veniva spiegata e così riassunta: “di domenica si va a Messa perchè è il giorno del Signore”. Sappiamo e avevamo sempre in mente che di domenica si andasse a Messa.

Cosa dice il Catechismo della Chiesa Cattolica sulla domenica?

Per saperlo con esattezza assoluta, dobbiamo aprire il CC qui:

[fonte: vatican.va]

Parte terza
“La vita in Cristo”

Sezione seconda
“I Dieci Comandamenti”

Capitolo primo
“Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”

Articolo 3
“Terzo Comandamento”

Il Catechismo, che comprende e contiene la Dottrina di Cristo ottenuta dai Vangeli, ben espone il significato cristologico della domenica, la sua natura di precetto ed il valore divino della Santa Messa. Il Catechismo, basato sulla parola di Dio (o “estratto da essa”), ci esplicita la Rivelazione così come essa è avvenuta; e in ciò vi sono i significati e i precetti relativi alla domenica, nonchè una documentazione completa su cosa sia la domenica e cosa Dio desideri da noi in questo giorno. Estrapolando alcuni tra gli articoli essenziali disponibili, la Chiesa Cattolica infatti ci insegna quanto segue.

2176 La celebrazione della domenica attua la prescrizione morale naturalmente iscritta nel cuore dell’uomo «di rendere a Dio un culto esteriore, visibile, pubblico e regolare nel ricordo della sua benevolenza universale verso gli uomini».
2180 Il precetto della Chiesa definisce e precisa la Legge del Signore: «La domenica e le altre feste di precetto i fedeli sono tenuti all’obbligo di partecipare alla Messa». «Soddisfa il precetto di partecipare alla Messa chi vi assiste dovunque venga celebrata nel rito cattolico, o nello stesso giorno di festa, o nel vespro del giorno precedente».
2181 L’Eucaristia domenicale fonda e conferma tutto l’agire cristiano. Per questo i fedeli sono tenuti a partecipare all’Eucaristia nei giorni di precetto, a meno che siano giustificati da un serio motivo (per esempio, la malattia, la cura dei lattanti) o ne siano dispensati dal loro parroco. Coloro che deliberatamente non ottemperano a questo obbligo commettono un peccato grave.

2185 Durante la domenica e gli altri giorni festivi di precetto, i fedeli si asterranno dal dedicarsi a lavori o attività che impediscano il culto dovuto a Dio, la letizia propria del giorno del Signore, la pratica delle opere di misericordia e la necessaria distensione della mente e del corpo. Le necessità familiari o una grande utilità sociale costituiscono giustificazioni legittime di fronte al precetto del riposo domenicale. I fedeli vigileranno affinché legittime giustificazioni non creino abitudini pregiudizievoli per la religione, la vita di famiglia e la salute. «L’amore della verità cerca il sacro tempo libero, la necessità dell’amore accetta il giusto lavoro». 
2188 Nel rispetto della libertà religiosa e del bene comune di tutti, i cristiani devono adoperarsi per far riconoscere dalle leggi le domeniche e i giorni di festa della Chiesa come giorni festivi. Spetta a loro offrire a tutti un esempio pubblico di preghiera, di rispetto e di gioia e difendere le loro tradizioni come un prezioso contributo alla vita spirituale della società umana. Se la legislazione del paese o altri motivi obbligano a lavorare la domenica, questo giorno sia tuttavia vissuto come il giorno della nostra liberazione, che ci fa partecipare alla «adunanza festosa e all’assemblea dei primogeniti iscritti nei cieli» (Eb 12,22-23).

In sintesi
2189 «Osserva il giorno di sabato per santificarlo» (Dt 5,12). «Il settimo giorno vi sarà riposo assoluto, sacro al Signore» (Es 31,15).
2190 Il sabato, che rappresentava il compimento della prima creazione, è sostituito dalla domenica, che ricorda la nuova creazione, iniziata con la risurrezione di Cristo.
2191 La Chiesa celebra il giorno della risurrezione di Cristo nell’ottavo giorno, che si chiama giustamente giorno del Signore, o domenica. 
2192 «Il giorno di domenica […] deve essere osservato in tutta la Chiesa come il primordiale giorno festivo di precetto». «La domenica e le altre feste di precetto i fedeli sono tenuti all’obbligo di partecipare alla Messa». 
2193 «La domenica e le altre feste di precetto i fedeli […] si astengano […] da quei lavori e da quegli affari che impediscono di rendere culto a Dio e turbano la letizia propria del giorno del Signore o il dovuto riposo della mente e del corpo». 
2194 L’istituzione della domenica contribuisce a dare a tutti la possibilità di «godere di sufficiente riposo e tempo libero che permetta loro di curare la vita familiare, culturale, sociale e religiosa». 
2195 Ogni cristiano deve evitare di imporre, senza necessità, ad altri ciò che impedirebbe loro di osservare il giorno del Signore.

La domenica è oggi stata deturpata del suo significato cristiano nativo: la sua stessa natura di “giorno solare”, dettata dall’Antico e dal Nuovo Testamento, è stata pubblicamente snaturata, violata e soppressa grazie ad una progressiva paganizzazione del mondo, supportata dai falsi profeti che tanto hanno voluto riforme anti-cristiane. La mentalità Dio-orientata dei tempi antichi, che voleva l’uomo in obbedienza alla legge divina ed il giorno della domenica quale giorno Festivo e di Riposo, è stata sovvertita: oggi la domenica è un giorno feriale qualunque.

La domenica, per gran parte delle persone, non ha più valore né come culto pubblico a Dio, né come giorno del Signore ad esso dedicato, né come giorno di gioia, di silenzio e di riposo. È ormai di pochi il significato biblico e l’originale applicazione dei suoi precetti. Soltanto un piccolo gregge, ad oggi, vive la domenica come sempre è stato fatto fin dai tempi antichi. Pochi vanno a Messa e la maggior parte delle persone lavora. Vengono così violati e preclusi i precetti scritturali, presenti nei Testi Sacri della Rivelazione.

Una parte del Vangelo viene così dimenticata, marginalizzata e perduta, come se alle società odierne nulla importasse di Dio, per molti di coloro che vivono su questa terra. Ciò è triste in quanto rattrista anzitutto ed in primis il cuore di Dio. E lo è ancor di più oggi, domenica 8 marzo 2020. Perchè? Perchè, con il decreto CEI in tempi di coronavirus, le Sante Messe con concorso di popolo sono state sospese fino al 3 aprile – incluse quelle della domenica. Ciò può comportare la dispersione del gregge e la divisione delle anime, più di quanto ce ne sia.

Vi sono due modi di affrontare quanto accade:

Secondo lo spirito del mondo..

Secondo lo spirito del mondo, ardente di tenebra, guidato dall’ira e dalla frustrazione e desideroso di vendetta e distruzione quale risoluzione di ogni problema.

Secondo lo spirito cristiano..

Secondo lo spirito cristiano, la cui essenza contrappone il male con il bene: le virtù alle modalità comportamentali del mondo qualunque e secolare.

Il distacco può suscitare malesseri e contraddizioni nello spirito. Tocca dunque a noi fedeli rimanere ancorati in Dio e con Dio, proseguendo il nostro rapporto personale con Cristo in attesa che si potrà tornare a viverlo nell’Eucaristia. La sospensione temporanea, alla luce della mentalità cristiana, può esser vista quale prova di fede, per unirci ancor di più a Cristo in questo tempo in cui non si potrà riceverLo nell’Ostia Divina.

La Messa è l’incontro con Cristo, la più alta forma di preghiera e il più potente esorcismo che esista sulla terra. Se il popolo si allontana da essa, viene dimenticato e messo da parte un pezzo del Regno di Dio sulla terra: come togliere il cuore pulsante della vita cristiana. Vedere il futuro secondo la virtù della speranza è cosa buona e giusta: significa vedere un futuro prossimo dove tutto tornerà alla normalità.. come è sempre stato.

Giovanni 6, 48,58 
48 Io sono il pane della vita. […] 50 questo è il pane che discende dal cielo, perchè chi ne mangia non muoia. […] 54 Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo resusciterò nell’ultimo giorno. […] 56 Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui.

Dio ha chiesto solamente un giorno “di precetto” per partecipare alla Messa e pure quello gli è stato tolto. Sento il principe del mondo urlare “vittoria”. Ma, come ogni periodo di buio, la luce è destinata a tornare e a risplendere. Dopo la notte, arriva l’alba. Dopo il buio, arriva la luce. Speriamo presto.. che altro posso aggiungere dal cuore? Resistiamo in questa prova con la preghiera!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...