Lotta all’aborto: Trump ha chiesto al congresso di eliminare la legge sull’aborto tardivo

“Questo presidente mi ispira”, pensai quando Trump si presentò alle presidenziali nel 2016. Ricordo quando vidi la sua presentazione come candidato del partito repubblicano, dietro un piccolo televisore in una delle lande secolarizzate per eccellenza, le Marche, nel comune sperduto di Petritoli. Vi furono elementi che mi presero, differentemente dai predecessori. Che poi sia un uomo di Dio è un altro discorso. L’albero si riconosce dai frutti e la qualità di un presidente si valuta dalle opere. Anch’egli è un peccatore, e non c’è uomo sulla terra che non lo sia. Vi sono cose che approvo ed altre no, cose lecite ed altre discutibili.

La sua posizione pro-life è un pugno diretto e manifesto al sinistrismo radicale ed esasperato. Sicuramente un passo avanti rispetto ai presidenti biscotto (o caramellai) selezionati dall’élite massonica. Essendo cattolico sono anti-abortista e pro-life ed essendo pro-life approvo che Trump sia anti-aborto e a sua volta pro-life. Questo suo aspetto in particolare me lo gusto, com’è giusto che sia. Una freccia a favore della luce in un mondo geo-politico diviso in se stesso ove si confonde il bene con il male.

Il presidente Trump ha dunque ribadito la proposta di bannare la legge sull’aborto tardivo durante il discorso annuale al 2020 State of the Union Address tenutosi ieri in data 4 febbraio. Credo nel dato di fatto che l’aborto vada proibito in maniera totalitaria e assoluta, sempre e comunque, senza concessioni d’eccezione. Questa proposta è di per sé un passo avanti nel cammino di recupero e di istituzionalizzazione del movimento e del linguaggio pro-life: serve ora garantire la proibizione dell’aborto a tutti i livelli, fin dal primo giorno in poi, affinché la vita sia protetta fin dal concepimento. Casomai ve lo stesse chiedendo: la vita nasce nel momento del concepimento (Geremia 1, 5 Isaia 49, 1 – Giobbe 31, 15 – Deuteronomio 27, 25). Il feto è un bambino e come tale va protetto e custodito.

Presente al Congresso durante il discorso del presidente vi era una special guests: una mamma con la figlia di due anni nata dopo solo 21 settimane. Una di quelle creature che sarebbe potuta essere abortita. Ed invece è nata!

Discorso del Presidente Trump al Congresso
WASHINGTON, D.C.
4 febbraio 2020
(fonte: LifeSiteNews)

“Mentre preghiamo per coloro che sono malati, sappiamo che l’America sta costantemente raggiungendo nuovi territori medici. Nel 2017, i dottori della St. Luke’s Hospital in Kansas City hanno dato vita ad una delle creature più premature che sia mai giunta alla luce”

“Venuta alla luce dopo sole 21 settimane e sei giorni e con un peso inferiore al chilo, Ellie Schneider è nata combattente. Grazie alle abilità dei suoi dottori e alle preghiere dei suoi parenti, la piccola Ellie continua a vincere la battaglia per la vita. Oggi Ellie è una bambina di due anni sana e in salute, seduta con la sua fantastica madre Robin. Ellie e Robin, siamo contenti di avervi con noi.”

“Ellie ci ricorda che ogni bambino è un miracolo di vita e grazie alle moderne cure mediche, il 50% dei bambini nati prematuri in ospedale dove Ellie è nata, oggi sopravvive. Il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di assicurare che ogni bambino abbia le migliori possibilità di sviluppo e di crescita proprio come Ellie. Ecco perchè chiedo al Congresso di provvedere con un aggiunta di 50 milioni di fondi per la ricerca nazionale per i pazienti più giovani d’America.”

“Ed è per questo che chiedo ai membri del Congresso qui questa notte di bannare una volta e per tutte l’aborto tardivo. Indipendentemente se repubblicani, democratici o indipendenti, sicuramente dobbiamo tutti concordare che la vita di ogni essere umano è un dono sacro di Dio”

“Tutti noi qui e oggi possiamo capire una verità eterna: ogni bambino è un dono prezioso e sacro di Dio. Assieme dobbiamo tener cura e difendere la santità e la dignità della vita umana. Quando teniamo un neonato tra le braccia, siamo consapevoli dell’amore senza confini che un bambino porta in una famiglia.”

“Stanotte siamo la voce dei senza voce. I democratici hanno accolto le posizioni più estreme e radicali che abbiamo visto in decenni. A tutte le donne qui presenti, la vostra devozione regge la nostra intera nazione e vi ringraziamo per questo. A tutte le mamme qui presenti, vi celebriamo e dichiariamo che le madri sono eroine. Ogni persona merita di essere protetta e sappiamo che ogni anima umana è divina e che ogni vita umana e ogni non-nato è fatto a immagine di Dio onnipotente.”

In conclusione” Questo è uno dei motivi che mi suscitano una specifica simpatizzazione per il presidente Trump. Non è un santo – nessuno di noi lo è – e dovrà anch’egli presentarsi a Dio nel giorno del Giudizio Particolare. Egli riceverà secondo le proprie opere. Per esso valgono le modalità salvifiche rivelate da Cristo e stabilite nelle Scritture come per chiunque altro. Non tutto ciò che fa è “God’s Will” (in linea con la Volontà Divina) – Tuttavia, la lotta all’aborto e l’aperta posizione pro-life è uno degli elementi di pregio del suo operato. L’eliminazione dell’aborto tardivo, la late-term abortion law, è un passo in avanti. Poi toccherà al resto.

Altri pezzi da me scritti in ambito pro-life

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...