In ricordo di Evelyn Hartley, la ragazza di 15 anni scomparsa per sempre il 24 ottobre 1953: sono passati 66 anni

Evelyn Hartley è il nome di una ragazza statunitense, cristiana praticante, cittadina dello stato federale del Wisconsin, scomparsa per sempre il 24 ottobre del 1953 all’età di 15 anni. Il 21 novembre 2019, ovverosia tra 29 giorni, avrebbe compiuto 82 anni. Se suor Candida Bellotti, nata nel 1907, è arrivata fino ai giorni nostri, lasciando per sempre questa terra il 27 maggio 2017 all’età di 110 anni, nulla avrebbe vietato ad Evelyn di essere ancora tra noi, nel suo paese natale, in USA.

Oggi, 24 ottobre 2019, fanno 66 anni esatti dalla scomparsa. Scomparsa nel nulla senza che nessuno l’abbia mai più rivista, Evelyn è l’Emanuela Orlandi degli Stati Uniti d’America senza, tuttavia, il complesso di piste, depistaggi, ipotesi e fatti, reali o presunti tali, che han caratterizzato il caso Orlandi.

Evelyn Hartley

66

Anni

24.090

Giorni

792

Mesi

Evelyn nasce il 21 novembre del 1937. Il 24 ottobre del 1953, all’età di 15 anni, un mesetto prima del suo 16° compleanno, Evelyn accetta l’incarico di fare da baby sitter alla figlia di soli 20 mesi del professore Viggo Rasmussen, uno dei docenti del La Crosse State College, l’istituto scolastico dove Evelyn studia e vive gli anni della gioventù americana anni 50′. Evelyn è una ragazza seria. Studia, frequenta la Chiesa, ha una vita perfettamente normale.

Quella sera in particolare, i Rasmussen, come la maggioranza delle famiglie locali, sarebbero andati a vedere una partita di inizio campionato. Serviva quindi qualcuno che badasse alla piccola ed Evelyn fu la scelta vincente. Il fatto di vivere nella civiltà statunitense del 1953 non implica che non ci possano essere pericoli sociali di sorta come persone poco inclini al bene altrui. Così, il padre, come avrebbe fatto un padre qualunque al giorno d’oggi, invita la figlia, una volta che questa si fosse trovata presso l’abitazione del prof. Rasmussen, a chiamare a casa entro le 20.30 come certezza che tutto stesse andando bene.

Sono le 20.30 di sera (8.30 P.M.). Il padre attende una chiamata da parte della figlia. Il telefono non squilla. Passano i minuti. Decidere di chiamare a sua volta. Chiama, il telefono squilla ma nessuno risponde. Preoccupato dall’assenza di risposta, esce di casa e raggiunge l’abitazione dei Rasmussen. Quello che trova è un incognita: la porta frontale così come qualsiasi altra finestra sono chiuse dal di dentro. La televisione e la radio sono accese e ad alto volume. La piccola dei Rasmussen è nel passeggino, inerme e dormiente. I libri di scuola che Evelyn si era portata sono sparsi a terra. Gli occhiali di Evelyn sono rotti e sparsi a terra. Le sue scarpe, una è nel soggiorno; l’altra verrà trovata nel seminterrato. Ci sono tracce di sangue abbondanti sparse per terra, al di fuori dell’abitazione e lungo il prato circostante la casa. C’è, però, qualcosa che si distacca da tutto il resto: la finestra nel retro della casa è aperta, con le finestre che danno verso l’esterno. Di Evelyn nessuna traccia.

Dopo la scomparsa, molte furono le tracce e le informazioni raccolte che avrebbero potuto portare ad una risoluzione: le tracce di sangue trovare dentro e fuori l’abitazione; le urla sentite da un vicino attorno alle ore 7 P.M. (vicino che, tuttavia, non avrebbe mai chiamato la polizia perchè convinto che le urla provenissero da bambini che giocavano); l’auto che un abitante del posto, Ed Hofer, dichiarò di aver visto sfrecciare attorno alle 7.15 P.M. con all’interno due uomini ed una ragazza dichiarando, inoltre, che la ragazza era accasciata con il volto appoggiato verso il sedile anteriore; vestiti, scarpe e indumenti trovati lungo il sottopassaggio dell’highway 14 a due miglia a sud da La Crosse; un paio di scarpe trovato nella Coon Valley con tracce di sangue appartenenti al gruppo di Evelyn e delle suole del tutto simili alle impronte lasciate dal rapitore nel luogo della scomparsa. Purtroppo, niente di tutto questo ha permesso alla Polizia di Stato di risolvere le tre domande che, ad oggi, molti ancora si chiedono: chi la prese, perchè e che fine ha fatto il corpo.

Evelyn non sarebbe mai più stata trovata. Scomparsa per sempre il 24 ottobre 1953, Evelyn fu uno dei casi di persona scomparsa più seguiti in America. Di lei nacque una caccia all’uomo, la più imponente che sia mai avvenuta a quei tempi: oltre 1.000 persone impiegate nella ricerca, più di 1.750 studenti scelti per un interrogatorio personale, ricerca a tappeto in tutto lo stato con l’impiego dell’U.S. Air Force e del Civil Air Patrol.

Oggi, 24 ottobre 2019, 66 anni dopo, il caso rimane ancora aperto e insoluto. Ho scritto la storia di Evelyn non soltanto in ricordo di questa giovane adolescente scomparsa un pomeriggio del 1953 ma anche per ricordare tutto coloro che sono stati soggetti e vittime di situazioni analoghe: rapimenti e sparizioni improvvise. Data la natura umana ad immagine e somiglianza di Dio, credo che si possa provare un sentimento di preoccupazione e dispiacere naturale per la sorte ignota di queste persone. Contemporaneamente, data la nostra condizione di fede, non dobbiamo dubitare che non vi sia stata speranza di salvezza anche per loro.

   Ve ne sono stati, 
  ve ne sono ancor oggi 
     e ve ne sono ogni anno, 
  tutti gli anni, da sempre.  

Secondo quanto riportato dalla CIA, sono oltre 800.000 le persone che scompaiono nel mondo ogni anno oltre i confini nazionali, di cui il 50% è minorenne. Secondo un report 2007 dell’UNICEF, sono 2 milioni i casi di bambini scomparsi soltanto in Europa. Dal 1974 al 2019, le denunce di scomparsa riportate alla Polizia di Stato, soltanto in Italia, sono state 236.656. Nonostante molte di queste persone siano state ritrovate (di cui almeno l’1,3% senza vita), vi sono ancora 59.044 persone scomparse che non sono mai state trovate, di cui il 75% è minorenne e il 67% di nazionalità straniera. Vi sono oltre 60.582 bambini scomparsi soltanto in Canada. Oltre 719,558 sono i casi di scomparsa statunitensi registrati al 2009 dal NCIC (National Crime Information Center). Al 2013, erano 84,136 i casi ancora attivi di persone scomparse in USA.


FONTI STATISTICHE
USA, ITALIA & MINORI

Dove tratta il report delle persone scomparse negli Stati Uniti d’America al 2013.

Dove tratta la realtà dei minori scomparsi nel mondo.

Dove tratta il fenomeno delle persone scomparse in Italia con dati aggiornati al 2019.


La Madonna, tramite le apparizioni di Medugorje, chiede di pregare per gli ammalati, per coloro che non hanno ancora conosciuto l’amore di Dio, per le famiglie e per i giovani. In queste ‘tipologie’ di persone per le quali preghiamo vi sono tutti: famiglie, giovani, non credenti, ammalati. Nel cuore mariano vi sono anche loro: coloro che sono scomparsi per sempre. Perchè se sono scomparsi per noi, non lo sono per loro: Dio sa dove si trovano. Non sappiamo la destinazione della loro anima: possiamo confidare in Dio che vuole ognuno di noi salvo, pur se ciò non implichi che tutti si salvino, in quanto ogni uomo risponde del suo libero arbitrio dinanzi a Dio ed ogni uomo è libero di scegliere: per Dio o contro Dio, per la salvezza o per la dannazione.

Voglio concludere dedicando una preghiera per tutti loro. Per i loro parenti. Per i loro amici. Per tutti coloro che nel proprio cuore sperano ancora di rivederli. Non bisogna dare per scontato che abbiano fatto una brutta fine qui, in questa terra, ma nemmeno che stiano bene “altrove” o che abbiano trovato pace “nell’aldilà”. Si può sperare il meglio: che si siano salvati. È il miglior augurio che si possa fare verso un’anima. Nel proprio piccolo si può contribuire, anche solo con una preghiera universale. Non vanno dimenticati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...