Osservando le campagne della Gran Bretagna, ci si rende conto da dove Tolkien abbia tratto ispirazione per la Terra di Mezzo

Mercoledì 24/07 sono atterrato a Cambridge, Inghilterra del sud. Vi scrivo dall’University Centre, vicino King’s College, ove passa il fiume cam.

×una settimana dopo…

Ok, sono tornato. Vi scrivo da camera mia. Qui di seguito vi porto un mio resoconto interpretativo.

×dieci giorni dopo circa…

Ok, ci sono. Giorno dell’Assunta, 15/08. Tolkien e fede: l’argomento di oggi.

(in verità è passato più di un mese, è il 23 settembre al momento in cui scrivo)

Partire in aereo ti permette di vivere la salita più vertiginosa che si possa trovare sulla terra (sferica). Forse la suddetta ‘ascesi vertiginosa’ può essere superata, nell’intensità emotiva della vertigine, dalle giostre dei parchi giochi. Ma la sensazione di verticalità data dal volo è unica. Una volta in alto puoi ammirare la terra nel suo splendore sferico, cogliendone i dettagli e ammirandone la panoramica widescreen.

Una volta partito salutai l’Italia e i suoi paesaggi da mille e una notte. Feci ‘ciao ciao’ con la manina dal posto interno del corridoio. E quando l’aereo giunse oltre la costa a nord dei Paesi Bassi, verso la Gran Bretagna, allora mi parve di scorgere un hobbit. Perchè guardare la natura ti fa venire in mente Dio, creatore universale, ma anche la Terra di Mezzo di Tolkien. Ed in effetti, le terre naturali delle campagne britanniche non possono che essere la fonte sorgente da cui Tolkien ha modellato il suo immaginario meta-universale.

C’è l’immensità della geografia di Arda. C’è la ricchezza della natura, la sensazione di immensità senza confine, di orizzonte perduto, di mondo antico pre-urbanizzazione che ti fa venire voglia di rivedere la terra com’era prima che l’uomo piazzasse mattoni e cemento ovunque, c’è il principio dell’identità territoriale tutta erba, prati, pianure e verde, suddivisa ognuna secondo il proprio ordine. Ci sono le contee. Ci sono i borghi rurali. C’è la campagna e l’albero, la foglia e la collina. Qui è dove Tolkien venne a vivere dopo aver lasciato il Sud Africa. E qui è dove potè drenare e far suoi alcuni degli scenari più belli che l’uomo possa vedere. E che poi finii per proiettare nel suo più grande manoscritto, Il Signore degli Anelli.

Quello che uno scrive riflette ciò che ha interiormente. Consapevolmente o meno, in buona o cattiva fede. Guardando le campagne dall’aereo, poi appiedato, poi dal treno Stansted-Cambridge, ho potuto ammirare a distanza ravvicinata la bellezza del territorio naturale britannico. E non ho faticato a capire quale sia stata la sorgente reale capace di dare a Tolkien l’ispirazione per creare la sua Terra di Mezzo. Il paesaggio dell’infanzia e dell’adolescenza fu primario per dare un identità definita al suo sub-mondo, dove ad avere la meglio è la natura. E quasi potevo scorgere quel buco sotto alla terra dove viveva un Hobbit.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...