Leggendo ‘La Madonna nella vita di padre Pio’ di p. IasenzaNiro | pag. 1-22 “l’infanzia”

Durante il pellegrinaggio da padre Pio, avvenuto nell’anno domini 2018, sono tornato a casa con un libro sul santo scritto da padre Massimiliano IasenzaNiro. Il titolo è La Madonna nella vita di padre Pio. Un opera cicciotta che sembra aver la costituzione di un mesomorfo, formata da un nutrito malloppo di pagine che raccontano il cammino terrestre di padre Pio. Il libro di per sé è un portale di accesso alla sua vita, uno strumento di conoscenza, di libera partecipazione alla vita del santo. Si legge, si scopre, ci si orienta tra quelle che furono le vette ‘capisaldi’ della sua vita. L’apertura del libro implica una scoperta sociale, umana e spirituale del santo da Pietrelcina. 

pag. 1-22
Iniziata la lettura divoro velocemente le prime pagine fermandomi temporaneamente a pag. 22. Eccoci catapultati in scene di ordinaria santità infantile, quando il piccolo “pio” (Francesco) rifiutava di stare con coetanei che distoglievano il piccolo da un atteggiamento santo, proliferando parolacce e atteggiamenti arroganti sortiti. I 5 anni furono l’età da cui il piccolo Francesco iniziò a vedere la Madonna. Vi è annotata la somiglianza con i tre pastorelli di Fatima: il pascolo del gregge, la semplicità d’animo, l’umiltà d’animo, la bontà d’animo, le apparizioni mariane e la recita del rosario a soli 9 anni. Il piccolo Francesco iniziò a recitare rosari che aveva 8 o 9 anni e lo si vedeva camminare con la collana del rosario già a quell’età, promuovendo uno straordinario frutto di testimonianza concreta.

Mentre custodiva le pecorelle al pascolo, “componeva delle croci con pezzetti di legno, s’inginocchiava e pregava”. (‘La Madonna nella vita di padre Pio’, di p. IasenzaNiro)

E per ora mi fermo qua. Il bello del biopic letterario è che si può raccontare di tutto senza i limiti ‘offline’ del cinema, della pellicola e del digitale. Non hai 90 o 180 minuti di tempo per mostrare, e quindi per raccontare. Qui si da spazio ad ogni più piccolo particolare di interesse. Ci si ritrova prossimamente man mano che procedo nella lettura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...