Il discorso di Klopp nel pre-partita, il 4-0 del Liverpool e il trionfo delle virtù teologali


L’altro ieri c’è stata una manifestazione sportiva. Per la precisione, una partita di calcio, la semifinale di Champion’s League. Si scontravano il Liverpool, team britannico capitanato da Klopp, ed il Barcellona, squadra ispanica guidata da Valverde. Vittime del 3-0 dell’andata ad opera dei blaugrana, gli inglesi avrebbero dovuto vincere 4-0 se avessero voluto superare il turno entro il 90′. Chiunque aveva già decretato l’obiettivo come impossibile.

Qui accanto a me ho il libro Pregate, pregate, pregate edito da Shalom. A pagina 13 sono elencate le tre virtù teologali e le quattro cardinali. Le prime due sono la fede e la speranza. La fede è credere che una cosa sia così o che possa essere in un dato modo, per fede. La speranza è sperare contro ogni speranza. La fede è crederci, nonché credici. La speranza è spera contro l’impossibile.

aerial view of soccer field
Photo by Mike on Pexels.com

Queste due virtù o le si ha in natura o le si ottiene vivendo, conquistandole per grazia e per un lavoro proprio, fatto di preghiera e sforzo personale. Vanno, dal momento in cui subentrano nell’anima propria, conservate e tenute nel proprio cuore a vita. Sono virtù che si possono applicare in ogni dove, in ogni istante della giornata, sempre e comunque. Posso sperare e avere fede dal panettiere, credendo e sperando che tutto andrà bene nel momento in cui sono in fila, così come nel mondo del lavoro, credendo e sperando che anch’io possa ottenere un opportunità, così come al mattino mentre faccio colazione. Posso vivere e mettere in pratica la fede e la speranza in ogni istante della giornata, in ogni frazione dello spazio-tempo, in ogni atto della vita. Le metti in pratica con i pensieri, che verteranno così tutti sull’ottimismo e sulla convinzione che ogni cosa andrà bene, e con l’atteggiamento, il quale rifletterà la speranza che è in te e nella quale credi. Le puoi avere dentro e poi dimostrarle con l’atteggiamento. Ovunque e dovunque è possibile vivere e mettere in pratica queste due virtù teologali, le quali possono fungere come motore per la nostra vita ovunque, per la qualsiasi cosa. Di seguito, anche in una partita di calcio.

Ieri, prima della partita, il regista del team inglese, Klopp, aveva fatto il seguente discorso:

Ragazzi credeteci. Uno o due gol, anche se non segnamo nel primo quarto d’ora non importa. Credeteci al 65′, al 66′ e al 67′. Credeteci. Potete segnare in quel momento. E con Anfield che ci supporta e crede in noi, ce la possiamo fare. Ragazzi, noi possiamo.

Eccole qui. Un discorso motivazionale le cui tematiche sono due: fede e speranza. Ecco le due virtù teologali da mille e una notte: le virtù dell’anima, le virtù cristiane, le virtù che Cristo ci dice di avere più di ogni altra virtù. L’impresa della società inglese, all’atto pratico, sembrava impossibile. Loro ci hanno creduto e sperato fino alla fine.

E al 79′ è successo: Origi ha inserito la palla del 4 a 0 in rete (azione mostruosa, Nd) e, soltanto 10 minuti dopo + 5′ di recupero, il Liverpool è arrivato in finale. Il messaggio lanciato ieri da una partita di calcio a 11 da 90 minuti è chiaro: se ci credi e ci speri, anche se ciò che appare impossibile può divenire possibile. E allora non ti rimane che fare. C’è differenza tra il fare una cosa senza crederci, senza sperare, con l’aridità spirituale nel cuore, ed il farla credendoci, sperandoci, convinto che ce la farai. Solo così si vedrà la benedizione divina, che permetterà il miracolo dell’impossibile che diventa possibile. Perchè Dio può agire ovunque: se la cosa è buona e non è male, la fede e la speranza che ci metti nel fare le cose verrà ripagata. Anche per una partita di calcio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...