I XIII propositi generali che Santa Faustina fece per l’anno 1937


Il 2018 è appena iniziato. Siamo giunti verso la conclusione della seconda settimana del mese ed è solo l’inizio. Ognuno di noi trascina con sé le speranze, i propositi, gli obiettivi e i sogni dell’anno precedente; chi ne toglie, chi ne aggiunge a quelli già presenti e chi invece smette di seguirne. Ognuno di noi ha il suo carico di cose da fare e cose che vorrebbe fare tra realtà, sogno, obiettivo e speranza.

Quest’oggi, ho aperto il diario di Santa Faustina, capitando così a pag. 512, la cui porzione di testo è parte del II° quaderno. Scopro quelli che la suora polacca mise su carta, il 1 gennaio, come i propositi generali del 1937: ben tredici. E qui dunque li riporto, per condividerli.


Dal diario di Santa Faustina Kowalska, pag. 512 – II° quaderno 

GESU’, CONFIDO IN TE

+ PROPOSITI PER L’ANNO 1937,
1° GIORNO, I MESE

Proposito particolare: continuare la stessa cosa, cioè rimanere unita a Cristo Misericordioso e precisamente chiedersi: cosa farebbe Cristo in questo o in quel caso? E con lo spirito abbracciare il mondo intero, specialmente la Russia e la Spagna.

PROPOSITI GENERALI

I. Rigorosa osservanza del silenzio – il raccoglimento interiore.
II. In ogni consorella vedere l’immagine di Dio e da questo motivo deve provenire tutto l’amore del prossimo.
III. In ogni momento della vita adempiere alla volontà di Dio e vivere di essa.
IV. Rendere conto fedelmente di tutto al direttore spirituale e non intraprendere nulla d’importante senza aver preso accordi con lui. Procurerò di svelare in modo chiaro davanti a lui le profondità più segrete della mia anima, ricordando che ho a che fare con Dio stesso; ma come sostituto è soltanto un uomo, perciò pregare ogni giorno perché gli siano dati lumi.
V. Nell’esame di coscienza della sera porsi la domanda: “E se mi avesse chiamato oggi?”
VI. Non cercare Dio lontano, ma nel proprio intimo; trattare con Lui faccia a faccia.
VII. Nelle sofferenze e nelle tribolazioni andare davanti al tabernacolo e rimanere in silenzio.
VIII. Unire tutte le sofferenze, le preghiere, i lavori, le mortificazioni ai meriti di Gesù, allo scopo di impetrare la Misericordia per il mondo.
IX. I momenti liberi anche se brevi, utilizzarli per pregare per gli agonizzanti.
X. Non ci sia giorno nella mia vita, in cui non raccomandi fervidamente l’opera della nostra Congregazione. Non badare mai al rispetto umano.
XI. Non avere familiarità con nessuno. Con le ragazze fermezza benevola, pazienza senza limiti, punirle severamente, ma con una punizione di questo genere: preghiera e sacrificio di sé. La forza che c’è nell’annientare noi stesse per il loro bene è per loro un continuo rimorso di coscienza e farà intenerire i loro cuori ostinati.
XII. La presenza di Dio è il fondamento di tutte le mie azioni, delle mie parole e dei miei pensieri.
XIII. Utilizzare ogni aiuto spirituale. Mettere sempre l’amor proprio al posto adatto, cioè all’ultimo. Le pratiche di pietà farle come se fosse l’ultima volta nella vita. Nella stessa maniera assolvere tutti i propri doveri.


Leggeteli. Meditateli. Pregate affinché possiate ottenere lumi nell’intelletto e nello spirito dallo Spirito Santo. Per ognuno di questi propositi si possono ottenere forti ispirazioni interiori, le quali possono poi donarci dei piccoli grammi della volontà di Dio, che possono poi, potenzialmente, plasmarci, divenendo parte di noi. Così come furono i propositi di Santa Faustina, questi possono essere tranquillamente le basi del nostro presente cristiano.

E’ chiaro che vanno letti ricordando la prospettiva della suora: quella di consacrata presso una congregazione religiosa. E quindi naturale scartare, o far proprio diversamente, l’inizio del proposito XI: questo valeva per lei, in quanto suora consacrata. Va quindi visto nell’ottica sua, intima e privata.

Ognuno di questi propositi implica una relazione, tra gli stessi e colui che li legge, da cui puo’ scaturire un effetto interiore ed esclusivo; qualcosa che cambia da persona a persona, diversificandosi e adattandosi ad ognuno di noi in modo particolare e unico. Da essi si possono drenare parole di intelligenza che possono poi posarsi nel nostro cuore. Da leggere, rileggere, meditarci e pregarci sopra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...