I 117 martiri del Vietnam canonizzati da Giovanni Paolo II il 19 giugno del 1988


Il discorso inerente i martiri del Vietnam apre il capitolo della persecuzione dei cristiani, materia millenaria e ancora oggi in atto nel mondo; non aprirò il discorso qui e adesso, ma vorrei comunque dire due parole a riguardo. Personalmente reputo che la persecuzione dei cristiani si divida in due grandi gruppi: il primo è di tipo culturale e intellettuale, il secondo di tipo fisico, ovvero laddove si esercita una violenza materiale su persona a causa del suo credo.

Credo che la prima tipologia di persecuzione sia in atto in prevalenza nei continenti laddove la tecnologia si è sviluppata così tanto da poter promuovere e diffondere ideologie avverse a Cristo, causando così un degrado percettivo della cultura cattolica, portando così la stessa a venire oltraggiata, offesa, ridicolizzata e umiliata. Sto parlando di persecuzione intellettuale, che si può attuare con qualsiasi mezzo e qualsiasi strumento esistente nel mondo; questo avviene in prevalenza nella sfera occidentale del pianeta, Europa e Stati Uniti d’America in particolare, dove impera una propaganda anti-cristiana da paura e dove la cosiddetta persecuzione ideologia ha conquistato ampie regioni della terra.

La seconda tipologia di persecuzione, invece, è quando si esercita violenza su persona causando ora l’omicidio, ora il massacro di massa; la persecuzione può essere anche causa di abusi, umiliazioni, imposizioni politiche arbitrarie, che possono portare il cristiano verso lo sfinimento; in Europa sappiamo cosa significa essere tacciati di ignoranza e anacronismo, sappiamo cosa significa essere perseguitati in termini intellettuali, sappiamo cosa significa essere stati spazzati via dalle nuove conquiste ideologiche; mentre altrove sanno cosa significa morire per il proprio credo. Il secondo tipo di persecuzione è ancora oggi in atto con prevalenza nei paesi medio-orientali, asiatici e africani.

La persecuzione dei cristiani vuol dire martirio; nominare questo termine, se si è sufficientemente informati, ci ricorda quanto sta accadendo nelle varie regioni della terra. Ma parlare di persecuzione cristiana evoca anche quanto accaduto in passato. E così non possiamo che ricordare, tra i numerosi casi di persecuzione e martirio, i 117 martiri del Vietnam.

I martiri del Vietnam sono un gruppo di 117 uomini uccisi nel corso del tempo a cavallo tra il 1745 e il 1862. Tra di loro vi erano ecclesiastici, religiosi appartenenti a varie comunità, missionari e laici. Otto di loro erano vescovi, 50 erano sacerdoti e 59 i laici; oltre ai vietnamiti, ben 96, il gruppo comprende anche 11 domenicani spagnoli e 10 francesi della Società per le missioni estere di Parigi.

Settantacinque di loro morì tramite decapitazione, mentre i restanti morirono in quanto strangolati, arsi vivi, squartati o in prigionia dopo varie torture. Furono vittime della grande persecuzione dei cristiani in atto ai tempi, quando ovvero le regioni locali non accettarono l’invio di missionari ecclesiali e religiosi da parte del Vaticano, rifiutando l’idea che degli uomini potessero spacciare l’idea di Cristo, invitando la gente del luogo a conoscerlo, quando invece il rifiuto categorico della religione cristiana era un imperativo.

Il rito di beatificazione (terzo dei quattro stadi del processo di canonizzazione) dei i 117 martiri avvenne in quattro soluzioni storiche distinte: 64 di loro furono dichiarati beati il 27 maggio 1900 da papa Leone XIII; 8 da papa Pio X il 20 maggio 1906; 20 sempre da Pio X il 2 maggio 1909 e 25 da papa Pio XII il 29 aprile 1951. Furono infine proclamati santi e patroni del Vietnam da papa Giovanni Paolo II il 19 giugno 1988, durante il decimo anniversario del pontificato del nostro caro papa polacco. La memoria dei santi si celebra il 24 novembre. Il loro ricordo è vivo; è bello poter fare affidamento a 117 santi in più, invocandone la loro intercessione. In quanto martiri, penso che la loro missione prediletta di santi sia quella di protettori e soccorritori dei casi di violenza e martirio.


Ecco i nomi dei 117 martiri canonizzati

  1. Francesc Gil de Federich de Sans
  2. Mateo Alonso de Leciñana y Alonso
  3. Vinh-sơn Lê Quang Liêm
  4. Jacinto Castañeda Puchasóns
  5. Emmanuel Nguyễn Văn Triệu
  6. Gioan Ðạt
  7. Phêrô Lê Tùy
  8. François-Isidore Gagelin
  9. Montperreux Phaolô Tống Viết Bường
  10. Anrê Trần Văn Trông, laico
  11. Joseph Marchand
  12. Jean-Charles Cornay,
  13. Phanxicô Xaviê Cần
  14. Domingo Henares de Zafra Cubero
  15. Phanxicô Ðỗ Văn Chiểu
  16. Vihn Sơn Ðỗ Yến
  17. Giuse Nguyến Ðình Uyển
  18. Clemente Ignacio Delgado Cebrián
  19. Phêrô Nguyến Bá Tuần
  20. José Fernández de Ventosa
  21. Bênađô Võ Văn Duê
  22. Ðaminh Nguyện Văn Hạnh
  23. Giacôbê Ðỗ Mai Năm
  24. Antôn Nguyện Ðích
  25. Micae Nguyễn Huy Mỹ
  26. Giuse Ðặng Văn Viên
  27. Phêrô Nguyễn Văn Tự
  28. Giuse Hoàng Lương Cảnh
  29. François Jaccard
  30. Tôma Trần Văn Thiện
  31. Pierre-Rose-Ursule Dumoulin Borie
  32. Phêrô Võ Ðăng Khoa
  33. Vinh Sơn Nguyễn Thế Ðiểm
  34. Phaolô Nguyễn Văn Mỹ
  35. Phêrô Trương Văn Ðường
  36. Phêrô Vũ Văn Truật
  37. Ðaminh Tước
  38. Augustinô Phan Viết Huy
  39. Nicolas Bùi Ðức Thể
  40. Ðaminh Ðinh Ðạt
  41. Tôma Ðinh Viết Dụ
  42. Ðaminh Nguyễn Văn Xuyên
  43. Phanxicô Xaviê Hà Trọng Mậu
  44. Ðaminh Bùi Văn Úy
  45. Augustinô Nguyễn Văn Mới
  46. Tôma Nguyễn Văn Ðệ
  47. Stêphanô Nguyễn Văn Vinh
  48. Anrê Trần An Dũng Lạc
  49. Phêrô Trương Văn Thi
  50. Phaolô Phạm Khắc Khoan
  51. Gioan Baotixta Ðinh Văn Thành
  52. Phêrô Nguyễn Văn Hiển
  53. Giuse Hiên
  54. Luca Vŭ Bá Loan
  55. Tôma Toán
  56. Phêrô Nguyễn Khắc Tự
  57. Antôn Nguyễn Hữu Quỵnh
  58. Ðaminh Trạch Đoài
  59. Giuse Nguyễn Ðình Nghi
  60. Phaolô Nguyễn Ngân
  61. Martinô Tạ Ðức ThỊnh
  62. Martinô Thọ
  63. Gioan Baotixta Còn
  64. Simon Phan Ðắc Hòa
  65. Anê Lê ThỊ Thành Bà Ðê
  66. Phêrô Khan
  67. Matthêô Lê Văn Gẫm
  68. Augustin Schoeffler
  69. Jean-Louis Bonnard
  70. Philiphê Phan Văn Minh
  71. Giuse Nguyễn Văn Lựu
  72. Anrê Nguyễn Kim Thông Năm Thuông
  73. Laurensô Nguyễn Văn Hưởng
  74. Phaolô Lê Bảo TỊnh
  75. Micae Hô Ðình Hy
  76. Pherô Ðoàn Văn Vân
  77. José María Díaz Sanjurjo
  78. José Melchor García-Sampedro Suárez
  79. Phanxicô Trần Văn Trung
  80. Ðaminh Mầu
  81. Ðaminh Phạm Trọng Khảm
  82. Giuse Phạm Trọng Tả
  83. Luca Phạm Trọng Thìn
  84. Phaolô Lê Văn Lộc
  85. Ðaminh Cẩm
  86. Phaolô Hạnh
  87. Phêrô Ðoàn Công Quý
  88. Emmanuel Lê Văn Phụng
  89. Tôma Khuông
  90. Giuse Lê Dăng Thi
  91. Pierre-François Néron
  92. Jean-Théophane Vénard
  93. Phêrô Nguyễn Văn Lựu
  94. Giuse Tuân Hoan
  95. Gioan Ðoàn Trinh Hoan
  96. Matthêô Nguyễn Văn Đắc Phượng
  97. Jerónimo Hermosilla Aransáez
  98. Valentín Berrio-Ochoa de Aristi
  99. Pere Josep Almató Ribera Auras
  100. Étienne-Théodore Cuenot
  101. Giuse Nguyễn Duy Khang
  102. Laurensô Ngôn
  103. Giuse Túc
  104. Ðaminh Ninh
  105. Phaolô Vũ Văn Dương Ðổng
  106. Ðaminh Toai
  107. Ðaminh Huyện
  108. Phêrô Dũng
  109. Phêrô Thuan
  110. Vinh-sơn Dương
  111. Giuse Tuân
  112. Anrê Tường
  113. Vinh Sơn Tường
  114. Đaminh Nguyễn Đức Mạo
  115. Đaminh Nhi
  116. Đaminh Nguyễn
  117. Phêrô Đa

Leggi l’omelia di Giovanni Paolo II per la canonizzazione dei 117 martiri

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...