Medugorje | Messaggio del 25 luglio 2017


Messaggio 

Cari figli! Siate preghiera e riflesso dell’amore di Dio per tutti coloro che sono lontani da Dio e dai comandamenti di Dio. Figlioli, siate fedeli e decisi nella conversione e lavorate su voi stessi affinché la santità della vita sia per voi veritiera. Esortatevi al bene attraverso la preghiera affinché la vostra vita sulla terra sia più piacevole. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. 

Riflessione

Figlioli, siate fedeli e decisi nella conversione e lavorate su voi stessi affinché la santità della vita sia per voi veritiera.

Un invito importante e peculiare quello che Maria ci dona con l’ultimo messaggio. Essere decisi significa vivere la conversione quotidianamente, ed essere con Cristo in modo definitivo, pur nei propri difetti, limiti e cadute. L’assenza di preghiera porta molte persone a vivere tre mesi con Cristo e sei senza, e nuovamente a ripetere il processo, vivendo alti e bassi continui, costituiti da periodi brevi di luce ed altri di oscurità che si possono dilungare nel tempo. Cio’ avviene quando anche solo per un pomeriggio si lascia la preghiera. Un giorno senza preghiera diventano due, due diventano tre, tre diventano quattro, e da quattro si passa a due settimane, e poi un mese, e via via fino al prossimo rientro della preghiera nella propria vita che potrebbe avvenire presto così come tra un numero imprecisato di mesi. Questa tendenza non permette di essere fedeli e decisi in modo definitivo, e dona molta spazio a cadute che ci fanno stare ora fermi, e che ora ci portano indietro nel nostro cammino di fede. E’ quindi importante esercitare la preghiera ogni giorno. Vi sono poi molti altri fattori che incidono nel percorso, nella caduta, nella perdita di preghiera, ed è quindi importante avere anche una vita sociale e privata soddisfacente, che ci porta a non covare eventuali rabbie e frustrazioni tanto da non reggere più nemmeno con la preghiera. E’ importante, prima di qualsiasi consiglio pedagogico, sociale o personale, il rinnovo quotidiano della preghiera. Rosario ogni giorno. Poi frequenza dei Sacramenti. Insistenza nel chiedere grazie, e far si che ciò avvenga in preghiera. Una vita poi piacevole e ben costituita ci aiuta a mantenere il nostro equilibrio.

Esortatevi al bene attraverso la preghiera affinché la vostra vita sulla terra sia più piacevole.

Una vita vissuta in preghiera apre il cuore, permette a Dio di entrarvi, concede grazie, trasforma la vita, portando così la nostra esistenza ad un livello migliore. Cio’ non implica l’esclusione di croci e sofferenze: questo sia chiaro. La preghiera ha la capacità di farci vivere anche la sofferenza in modo più piacevole. E così anche la vita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...