Satana esiste, ed esiste per davvero; la sua presenza è reale come sono reali l’acqua, il fuoco, la terra e l’uomo. La sua piu grande vittoria è quella di far credere che non esiste; vittoria che ha in larga parte ottenuto, anche se non sarà così per sempre, dato che il suo regno è destinato a crollare molto preso. Gran parte dell’uomo, oggi, crede che Satana è soltanto un concetto ideale associato ad una rappresentazione immaginaria, una sorta di mito generato artificialmente e dovuto all’ignoranza secolare; quasi piu nessuno crede all’angelo ribelle, principe del mondo (Giovanni 14:30). Si sbagliano immensamente; se anche solo avessero problemi di vessazione, infestazione o possessione diabolica, riconoscerebbero la sua esistenza all’istante. Non che io auguri a loro tutto ciò, anche perchè le vie per mezzo delle quali si può venire illuminati su un dato fatto e una data verità possono essere ben altre; basterebbe la fede e la preghiera per capire che esiste. Semplicemente, auguro che, un giorno, anche coloro che non credono alla sua esistenza potranno avere la grazia di riconoscerla, terminando così questa illusione che non esiste; illusione che porta solo un danno a sé stessi e comporta una falla senza precedenti nella propria vita, dato che coloro che non credono all’esistenza del maligno, lo lasciano indisturbato nel suo operato, libero di agire come meglio crede (pur se nei limiti di quanto permesso da Dio), in quanto nemmeno combattuto.

Satana e i suoi angeli ribelli, i demoni, possono possedere persone, animali e cose se Dio lo permette; inoltre, se costretti da Dio, possono parlare e rivelare verità varie sotto esorcismo. Questo è accaduto innumerevoli volte lungo il corso degli esorcismi che sono stati effettuati e registrati nel corso del tempo; solo nell’ultimo secolo sono tantissimi i casi di possessione diabolica dove il maligno, costretto dalla Vergine Maria, ha dovuto parlare pur se contro il suo interesse. Ciò ha prodotto delle testimonianze molto forti.

Queste che vi propongo sono alcune delle piu “famose” dichiarazioni estratte dalla bocca del maligno per ordine di Dio durante alcuni esorcismi; gli esorcisti e gli esorcismi effettuati sono vari e per ogni dichiarazione vi è citata la fonte ufficiale (tranne in un caso). Gli esorcisti citati esistono veramente e gli esorcismi sono realmente avvenuti; io stesso sono un testimone diretto di questa realtà (di nessuno dei casi qui riportati, ma di altri casi che ho vissuto personalmente). Buona lettura…e che la fede sia con voi; spero che ad “assalirvi” non sarà il dubbio né tantomeno il mormorio dettato dall’incredulità, ma la sensazione di certezza, il desiderio di riflessione e meditazione del materiale che lo Spirito Santo, spero, potrà ispirarvi.


#1 

Questa prima affermazione del maligno è tratta dal libro “La Vergine Maria e il diavolo negli esorcismi” di padre Francesco Bamonte, attuale presidente degli esorcisti italiani, erede del ruolo di padre Amorth.

Voi pensate che sia lassù, ma lei non sta lassù. Lei vi sta vicino; bastardi, bastardi, che avete fatto per averla così vicina, eh? E quando morite, lei è là, lei è là (lo ripete con rabbia, Nd) e aspetta un vostro pensiero, un vostro palpito del cuore per il bene, una vostra chiamata a quello (Gesù, Nd) e lei è là, lei è là che vi aspetta con il cuore aperto di madre! Tu sai che cos’è una madre, eh? Una madre guarda teneramente tutti i figli, insegna loro il bene, li richiama al bene e piange, e piange se il figlio, il figlio, il figlio non l’ascolta, perchè sa che io, io lo prenderò, se non l’ascolta io lo prenderò!”


#2 

Le seguenti dichiarazioni del maligno sono tratte dal libro “a tu per tu col maligno”, edizione La Roccia, del gesuita padre esorcista Domenico Mondrone.

“Non vedi che il suo regno si sgretola e il mio si allarga giorno per giorno sulle rovine del suo? Provate a fare il bilancio tra i suoi seguaci e i miei, tra quelli che credono nelle Sue verità e quelli che seguono le mie dottrine, tra quelli che osservano la Sua legge e quelli che abbracciano le mie. Pensa soltanto al progresso che sto facendo per mezzo dell’ateismo militante, che è il rifiuto totale di lui. Ancora poco tempo e il mondo cadrà in adorazione dinanzi a me. Sarà completamente mio. Pensa alle devastazioni che sto portando in mezzo a voi servendomi principalmente dei Suoi ministri. Ho scatenato nel suo gregge uno spirito di confusione e di rivolta che mai finora ero riuscito di ottenere. Avete quel vostro pecoraro vestito di bianco (il papa, Nd) che tutti i giorni chiacchieragrida, blatera. Ma chi lo ascolta? Io ho tutto il mondo che ascolta i miei messaggi e li applaude e li segue.”

“Ho tutto dalla mia parte. Ho le cattedre con le quali ho dato scacco alla vostra filosofia. Ho con me la politica che vi disgrega. Ho l’odio di classe che vi dilacera. Ho gli interessi terreni, l’ideale di un paradiso di terra che vi accanisce gli uni contro gli altri. Vi ho messo in corpo una sete di denaro e di piaceri che vi fa impazzire e vi sta riducendo in un’accozzaglia di assassini. Ho scatenato in mezzo a voi una sessualità che sta facendo di voi una sterminata mandria di porci. Ho la droga che presto farà di voi una massa di miserabili larve di folli e di moribondi. Vi ho portati ad ottenere il divorzio per sgretolare le famiglie. Vi ho portati a praticare l’aborto con cui fate stragi di uomini prima che nascano. Tutto quello che può rovinarvi non lo lascio intentato, e ottengo ciò che voglio: ingiustizie a tutti i livelli per tenervi in continuo stato di esasperazione; guerre a catena che devastano tutto e vi portano al macello come pecore; e insieme a questo la disperazione di non potersi liberare dalle sciagure con le quali devo portarvi alla distruzione. Conosco fin dove arriva la stupidità degli uomini, e la sfrutto fino in fondo. Alla redenzione di quello che si è fatto ammazzare per voi bestie ho sostituito quella di governanti massacratori, e voi vi buttate al loro seguito come stupidissime pecore. Con le mie promesse di cose che non avrete mai sono riuscito ad accecarvi, a farvi perdere la testa, fino a portarvi facilmente dove voglio. Ricorda che io vi odio infinitamente, come odio colui che vi ha creati.”

“In un secondo momento mi lavorerò uno per uno i parroci rispetto al loro pastore. Oggi il concetto di autorità non funziona più come una volta. Sono riuscito a dargli uno scossone irreparabile. Il mito dell’ubbidienza sta tramontando. Per questa via la Chiesa sarà portata alla polverizzazione. Intanto vado avanti con la decimazione continua dei preti, dei frati e delle suore, fino ad arrivare allo spopolamento totale dei seminari e dei conventi; tolti di mezzo i suoi ‘operai della Vigna’, subentreranno i miei e avranno via libera nel loro lavoro definitivo. A me preme incrementare il numero dei preti che passano dalla mia parte. Sono i migliori collaboratori del mio regno. Molti o non dicono più messe o non credono a ciò che fanno sull’altare. Molti di essi li ho attirati nei miei templi, al servizio dei miei altari, a celebrare le mie messe. Vedessi che meravigliose liturgie ho saputo imporre loro a sfregio di quelle che celebrate nelle vostre chiese. Le mie messe nere.”

(Durante l’esorcismo, rivela quali sono i suoi piu grandi nemici) “Quelli legati alla sua amicizia, quelli che Egli riesce a conservare sempre suoi. Quelli che lavorano e si consumano per i suoi interessi che zelano la sua gloria. Un malato che per gli amici soffre e si offre per gli altri. Un prete che si conservi fedele, che preghi molto, che non si sia mai fatto contaminare, che si serve della messa, di quella tremenda maledettissima messa, per farci un male immenso e strapparci una moltitudine di anime. Questi sono per noi gli esseri più odiosi, quelli che maggiormente pregiudicano gli affari del nostro regno.”

(Satana mostra una folla sterminata di giovani in una piazza di città) “Guarda, guarda che spettacolo meraviglioso! E’ tutta gioventù passata dalla mia parte. E’ gioventù mia. Molta l’ho irretita con la lussuria, con la droga, con lo spirito del materialismo ateo. Quasi tutti sono venuti su senza i soliti sciacqui battesimali. Questi giovani sono passati attraverso scuole programmate su ateismo sindacale. Lì hanno imparato che non è stato quello di lassù a creare l’uomo. Ora sono agguerriti a una lotta attiva contro di lui, che resiste a scomparire. Ma scomparirà. È fatale! Questi miei giovani hanno imparato a disfarsi di tutte le cosiddette verità eterne. Per essi esiste solo il mondo materiale e sensibile. È stato un gigantesco lavaggio al cervello, e ci serviremo di questo per tutti coloro che osassero ancora tenersi aggrappati alle vecchie credenze. Egli deve scomparire in modo assoluto dalla faccia della terra. Presto verrà il giorno che neppure il suo nome verrà più ricordato. Le poche cose di resistenza che non riusciremo ad eliminare con la nostra filosofia, le annienteremo col terrore. Ci sono per i resti decine e decine di lager dove li manderemo a marcire. Così per tutti i paesi della terra. Uno dopo l’altro devono cadere ai miei piedi, abbracciare il mio culto, riconoscere che l’unico signore del mondo sono io.”


#3 

La seguente rivelazione del maligno è tratta dal libro “Lucifero smascherato” di J. Daniel.

“Io copro di rovine il mondo, lo inondo di sangue e di lacrime; io deformo ciò che è bello, rendo sordido ciò che è puro, abbatto ciò che è grande; faccio tutto il male che posso e vorrei poterlo aumentare fino all’infinito. Io sono tutto odio, niente altro che odio. Se conosceste la profondità, l’altezza e la larghezza di quest’odio, avreste un’intelligenza più vasta di tutte le intelligenze che vi furono fin dal principio del mondo, anche se queste intelligenze fossero riunite in una sola. E quanto più odio, tanto più soffro, ma il mio odio e le mie sofferenze sono immortali come me, perché io non posso non odiare, come non posso non vivere sempre. Ciò che accresce in me questa sofferenza, ciò che moltiplica questo odio è il pensare che io sono stato vinto, che odio inutilmente e che faccio tanto male inutilmente. Ma che dico, inutilmente? No! Una gioia l’ho, se posso chiamarla tale; è l’unica gioia che io abbia; quella di uccidere le anime per le quali Egli ha versato il Suo sangue, per le quali è morto, risorto e salito in cielo. Ah, si! Io rendo vana la sua incarnazione, la sua morte; le rendo vane queste cose per le anime che uccido. Capite? Uccidere un’anima! Egli l’ha creata a Sua immagine, l’ha amata di un amore infinito, per lei fu crocifisso. Ma io quest’anima gliela prendo, gliela rubo, la uccido e la perdo con me. Io quest’anima non la amo, ma l’odio sommamente; eppure essa mi ha preferito a Lui. Come mai io dico queste cose? Vi potreste convertire, anche voi! Potreste scapparmi! Eppure debbo dirle queste cose, perché Egli mi costringe. Volete sapere quanto io soffro e quanto odio? Io sono capace di odio e di dolore nella stessa misura con cui ero capace di amore e di felicità. Io, Lucifero, son divenuto Satana, l’avversario. In questo momento io ho tutta la terra nel mio pensiero, tutti i popoli, tutti i governi, tutte le leggi. Ebbene, io tengo la direzione di tutto il male che si prepara. E, dopo tutto, quale vantaggio me ne viene? Io sono stato vinto già prima! Tuttavia qualche vantaggio l’ho ricavato; io gli uccido delle anime, delle anime immortali, delle anime che Egli ha pagato sul Calvario”


#4 

La fonte è sconosciuta; ho reperito queste informazioni dal blog amiamogesu. Confido nella veridicità dell’esorcismo e delle suddette dichiarazioni; teologicamente sono in linea con il Vangelo.

Sono riuscito a far penetrare l’eresia nella Chiesa, riuscendo ad ingannare religiosi e prelati. Ho fatto entrare vescovi eretici con idee mie nei loro cervelloni; poi la caterva di professori di catechesi e pastorale con la loro principale preoccupazione: un pingue salario, i divertimenti, l’amore sensibile.”

Nella pubblicità non si parla d’altro che della bellezza della pelle, della bellezza carnale, delle creme alla placenta, ricavate dai vostri “macelli umani”: tali sono diventati infatti i vostri ospedali, dove si legalizzano milioni e milioni di aborti! Per poi far solennemente gli ipocriti su tutti i mass-media con le vostre varie “Leghe degli animali”, “leghe anti-vivisezione”, “L.I.P.U.”, “Anticaccia”, “Pro balene”, “Pro animali da pelliccia”. Da me, avete imparato a fare gli assassini soddisfatti dell’uomo! Si, la farò finita presto con questa vostra razza maledetta che pretende ancora di sostituire in cielo il posto degli angeli ribelli!”

La donna viene presentata nuda: bisogna godersi la vita! Il peccato, il demonio e l’inferno? Spauracchi per bambini! Cinema e televisione stagliano sotto gli occhi di tutti ogni tipo di vizio. I giovani ignorano i Comandamenti di Dio. La pornografia celebra il culto dell’uomo-bestia subanimale e travolge gioventù e società.”

Dopo aver distrutto l’autorità dei genitori ho colpito la famiglia alla radice: divorzio, pillole e milioni di aborti. Poi omosessualità, amore libero, fornicazione, disprezzo del matrimonio e di ogni castità. La donna è sviata dal suo ideale materno ed i bambini lasciati ai loro bassi istinti. Negazione del peccato originale e delle sue conseguenze, sviluppo della personalità senza Dio.”

Sono riuscito a svestire i sacerdoti e le vergini consacrate, ho fatto sparire tonaca e abiti religiosi: che piacere poter vedere per strada le donne cattoliche in pantaloni attillati e minigonne; sulla spiaggia in bikini e monokini, come vacche e vacchette! Ho svestito i prelati: eccoli ora vestiti come i laici.”

A poco a poco abbandonano le insegne della loro dignità; i vescovi sostituiscono la loro Croce pettorale con due pezzi di legno incrociati: falsa povertà, mentre se ne stanno a sciupare altrove il  denaro sterco di Satana”

Ora vedrai: tra poco le vostre belle chiese saranno demolite e sarete costretti a scendere nelle catacombe. La celebrazione della parola e la cena sostituiranno la Messa-Sacrificio, che sempre ho aborrito, perché è proprio questa che salva il mondo! Per prima le vostre chiese saranno trasformate in sale di riunioni: dialoghi, danze, jazz con chitarre e batterie come ai Nights. L’organo, il latino, il gregoriano spariranno: roba d’altri tempi, superata! Io spingo per la concelebrazione e l’intercomunione tra preti cattolici, ministri protestanti e rabbini ebrei. Vasi sacri, abiti e ornamenti liturgici saranno venduti dagli straccivendoli.”


#5 

Quest’ultime rivelazioni del maligno sono registrazioni audio e derivano dal libro “La catechesi di Satana” di padre Pellegrino Ernetti, edizione Segno; esse rivelano ciò che piace e ciò che non piace al demonio.

Ciò che piace al maligno

La particola alla mano, così posso calpestare il vostro Dio, quel Dio che io ho ucciso; e posso celebrare le mie messe con i miei sacerdoti che ho strappato a Lui.”

I preti vestiti come netturbini, camuffati; così li porto dove voglio io, negli alberghi e nelle case private, in cerca di donne e di omosessuali e faccio commettere tanti sacrilegi e li porto nel mio regno! Quanti, quanti preti mimetizzati sono nel mio regno! E non mi scapperanno più (risate forti, Nd). I preti e i vescovi iscritti alla massoneria e alle mie sette. Oh quanti, oh quanti ce ne porto col denaro e con le donne. Quanti, quanti diventano miei amici fedeli…col denaro e con le donne…ne prendo quanti ne voglio, li porto nel mio regno.”

Le gonne corte, con le quali accalappio uomini e donne e riempio il mio regno (ride lungamente, Nd); che contento…che gioia…che contento.”

La televisione…uh, la televisione…è il mio apparecchio, l’ho inventato io…per distruggere le singole anime e le famiglie…le separo, le disgrego con programmi miei, sottilissimi e penetranti…uh, la televisione è il centro di attrazione dove attiro anche tanti preti, frati e suore, specialmente nelle ore piccole e poi non li faccio più pregare (risate fortissime, Nd). In un attimo mi presento in tutto il mondo. Mi ascoltano e mi vedono tutti. Mi aiutano assai bene i miei fedeli servi, i maghi, le streghe, cartomanti, chiromanti, astrologi (ride, Nd).”

Le discoteche…che bello…sono i miei palazzi d’oro dove attiro le migliori speranze della società, che io faccio mie, distruggendo le loro anime e i loro corpi. Quante migliaia e migliaia ne porto con me con l’alcool, con la droga e col sesso…oh, che continua mietitura. Le ho affidate a tanti politici, i miei fedeli servi e consacrati. lo sono il vero re del mondo, e non già il vostro Dio, che io ho crocifisso.”

Il divorziola separazione degli sposi, sono stati inventati da me; ne rivendico la proprietà. E’ una delle mie più intelligenti scoperte. Così distruggo la famiglia e distruggo la società, dove io sono adorato come vero re del mondo. Il sesso…il sesso…non ascoltate quell’uomo impiccato in croce che non vi dà niente; il vero piacere…il vero piacere ve lo do soltanto col sesso libero. Il mio regno è soprattutto libertà del piacere sessuale, con cui regno sulla terra.”

L’abortol’uccisione degli innocenti…oh…urrah! Urrah! È stata la mia trovata più bella e più gustosa! Ammazzare gli innocenti invece dei colpevoli e degli omicidi della mafia! Distruggo l’umanità e così finiscono, prima di nascere, gli adoratori del vostro falso Dio…(gioisce, Nd).”

La droga…è il cibo più gustoso che io faccio mangiare ai giovani per renderli pazzi. E così ne faccio quello che voglio: ladri, assassini, lussuriosi, feroci come me, dominatori del mondo, miei ministri.”

Ma soprattutto mi piacciono e mi rallegrano quegli ecclesiastici che negano la mia esistenza e la mia opera nel mondo…e sono tantissimi…oh, che gioia, che gioia per me. Lavoro tranquillo e sicuro. Persino i teologi oggi non credono nella mia esistenza. Che bello…che gioia…e così negano anche quel loro Dio che era venuto per distruggermi. Invece l’ho vinto, l’ho inchiodato io sulla Croce (ride, Nd).  Bravi questi preti…bravissimi questi vescovi…bravissimi questi teologi sono tutti i miei fedeli servi torelli…ne faccio quello che voglio! (risate forti, Nd) Ormai sono miei. Li porto dove voglio, vestiti da beccamorti, con la sigaretta sempre in bocca, profumati come gagà, in cerca di donnicciole facili, con auto di ultima moda, pieni di danaro, si ribellano ai dogmi del loro falso Dio e della falsa Chiesa di quel Crocifisso mia vittima. Sono i miei soldati più sicuri del mio regno, pieno pieno di loro. Con essi metto confusione e smarrimento nel popolo, che allontano sempre più dal falso Dio e porto nel mio regno di odio e di disperazione eterna per sempre con me, con me (risate, Nd). Quanti di essi ne ho fatti iscrivere alle sette mie allettati dalla mia carriera e dal mio denaro. Li compro con facilità perché finalmente sono riuscito a non far amare più, quel falso loro Dio; né quella donna che pretende di avermi vinto.”

I politici che si dichiarano cristiani, ma che cristiani non sono, perché sono miei e a mio servizio. Presentandosi però come cristiani, ingannano tante persone che li seguono dove io astutamente li porto. Vengono con me a rubare allegramente il denaro del popolo, denaro che costa sudore e lacrime di lavoro sofferto; denaro strappato alle famiglie povere con tasse inique, imposte da questi politici che ingrassano, sciupano, spendono e spandono senza limitiEppure faccio fare loro delle dichiarazioni di rettitudine, di bontà, di ossequio, di lealtà di sincerità cristiana, da far cadere anche i preti e i vescovi con loro. Il denaro è la mia arma più efficace; preti e vescovi chiudono gli occhi su questi politici, miei servi e schiavi. Basta che loro trovino i soldi per costruire o restaurare chiese, asili, case parrocchiali belle e comode, patronati. Sono i miei sagrestani più fedeli, per mezzo dei quali posso penetrare nelle case del clero, obbediente al mio denaro. Del resto, non sono stati questi politici che hanno firmato l’adulterio del divorzio e l’aborto? Ma il clero…fa loro la propaganda che io desidero…(risate, Nd).

I politici che si chiamano “laici” sono avanguardisti del mio regno. Le menzogne artatamente studiate, i soprusi diligentemente realizzati, i latrocini mafiosamente perpetrati, gli intrallazzi diplomaticamente eseguiti, il malcostume capillarmente diffuso con tutti i mezzi di stampa e di mass media, gli omicidi, i rapimenti organizzati a mano armata, la diffusione delle varie droghe mediante il servizio rigidissimo della omertà politicamente organizzata, e tanti tanti altri delitti e disordini sociali sono tutte opere che io realizzo mediante l’opera di questi politici, miei seguaci e untorelli fedelissimi. Hanno da me il mandato preciso di usare tutti i mezzi e maniere, le più infernali, per distruggere la società, purtroppo ancora legata a quel Crocifisso che io ho impiccato sull’infame legno. Distruggere, distruggere. Questi politici sono i miei discepoli e seguaci prediletti perché obbedientissimi al mio solo cenno, senza che neppure se ne accorgano. Sono essi che mi organizzano in tutte le città e paesi le logge massoniche più attive e subdole, più scaltre e di punta; sempre donando denaro, carriera e piaceri sessuali. Sono essi che ricevono i miei precisi comandi di penetrare e distruggere dall’interno la Chiesa. Quanti ecclesiastici hanno ceduto e continuano a cedere alle proposte e agli allettamenti di denaro e di carriera. Distruggere la Chiesa è il mio primo e ideale progetto. Oh, che contento…che contento! Con questi miei fedelissimi politici ho già da tempo iniziato a distruggere la società in ogni settore e grado e in tutti gli ambienti, destabilizzando gli ordini di pubblica sicurezza, di economia, di diplomazia, di relazioni sociali. Naturalmente sempre con le mie armi di ambizione, carriera, denaro, donne, piaceri. Oh, che contento! Che gioia! Che vittoria! (risate sguaiate, Nd).”

Mi piacciono poi in maniera particolarissima quei giudici e magistrati che hanno dietro le loro spalle il motto tradizionale “La giustizia è uguale per tutti”, eccetto ormai che per loro! Che bravi, che fedeli questi miei schiavetti della giustizia! Finalmente sono riuscito a politicizzare anche i giudici! Finalmente sono riuscito a farli vendere con il denaro e le bustarelle! Quante persone innocenti faccio condannare in carcere per anni e anni, mentre faccio uscire e assolvere i miei seguaci, considerati dal popolo come assassini e mascalzoni. Li faccio uscire dal carcere perché devono continuare a dilatare il mio regno di disordine, con omicidi, ladrocini, spaccio di droga, sequestro di persone e di bambini! Che meraviglia questi miei giudici politicizzati, partitizzati, venduti. Li ho ridotti a non conoscere più ciò che è giusto, da ciò che è ingiusto! Sono oggi il mio corpo specializzato di assalto contro la giustizia!

“Che meraviglia liberare dalle carceri i grandi brigatisti e mafiosi e lasciare dentro i poveri derelitti più o meno innocenti! Che bello lasciare liberi i “falsi pentiti”, con i quali io agisco con maggiore sicurezza! Che bello mandare agli “arresti domiciliari” coloro con i quali posso più liberamente organizzare il disfacimento della società! Bravi, bravissimi…giudici venduti! E quanti, quanti ne passano ogni giorno sempre di più nel mio regno, allettati dal denaro e dalla carriera e dall’orgoglio, le mie armi da loro amate e desiderate…(risata lunga, Nd)! E quei giudici che non si vogliono allineare con me, li faccio scomparire. E che cosa è la lotta intorno a loro, che aumenta sempre di più tra questi magistrati, se non il frutto della mia presenza e della mia costante e insistente opera? E che cosa è la continua lotta tra i magistrati e politici e le forze dell’ordine, se non effetto del veleno che io riesco ad iniettare costantemente tra di loro? (risata, Nd). È finita…è finita la pseudo pace che ha promesso quel buffone del vostro Dio che io ho vinto e crocifisso. E’ finita.. il mondo intero è con me. Sono io ormai il re del mondo. Sono io!”

Una mia particolare predilezione sono le tantissime sette, che io continuo a creare e a diffondere capillarmente in tutto il mondo. Sono i mezzi più immediati con i quali scardino la fede in quel falso vostro Dio da me crocifisso, creo così la babele nella fede (risate lunghe, Nd). Il vostro prete bianco (il papa, Nd) strilla e sbraita, perché ha paura di me, ha paura che io gli tolga il trono già tanto vacillante. ma io ho già vinto, ho messo la babele nella fede; nei semplici come nei dotti, compresi preti, teologi e vescovi. Le mie sette sono sempre più invincibili. La mia massoneria paga, paga molto bene ogni mio seguace. Sarò sempre vincitore io e la babele nella fede sarà la mia vittoria. Nella sola vostra Italia ho più di 672 sette e religioni mie che voi chiamate “sataniche”, che sono piene zeppe di anime a me votate e consacrate e battezzate con il proprio sangue nel mio nome. Esse mi rendono quotidianamente il culto che io merito come sovrano della terra con preghiere, con inni e cantici e con messe nere durante le quali vinco, calpestando e distruggendo quelle Ostie nelle quali gli stupidi cristiani credono presente il loro Crocifisso. Ma se così fosse, perché permette che io lo distrugga impunemente? (risata molto lunga e sganasciata, Nd).”

Queste sette, da me comandate insieme ai miei seguaci di stato maggiore del mio regno, convertono incessantemente i cristiani e li rendono miei fedeli seguaci; sono centinaia e centinaia che, ad ogni ora, rinnegano la fede vostra per aderire alle mie sette, ove io li accolgo a braccia aperte e dono loro tutti i miei piaceri e tutte le libertà di vivere il più lontano possibile dalla vostra Chiesa. E’ la vera felicità, la vera gioia, che solo io posso dare a voi. Dall’alta, alla media, alla bassa Italia e nelle isole…ovunque ho le mie sette che lavorano indefessamente. Dall’altra parte, ormai, molte chiese e parrocchie sono senza prete. Sono riuscito a distruggere e a far morire le vocazioni e le mie sette suppliscono al prete (lunga risata, Nd). Dai testimoni di Geova ai Centri età dell’ Acquario, agli Steiner antroposofici, a teosofici, ai Carolina, ai Cenacolo 33, ai Centri di Shamanesimo, ai Rosacroce, agli Arcobaleno, ai Gialli, agli Ergoniani, ai Scientology e tante e tante altre mie sette e religioni, che ogni giorno invento e creo, sono un vero esercito che lotta contro la vostra Chiesa. E vincerò, vincerò…anche se il vostro Crocifisso ha detto a voi che “le porte dell’Inferno non prevarranno” (ride, Nd). E non bastando questo, mi sono infiltrato in certi gruppi base che voi credete vostri. Invece sono miei, li ho già afferrati gettando nei singoli il mio isterismo parossistico. Diventano tutti visionari falsi di cristi e madonne che, come loro credono, stiano a parlare…ma che sono io che mi rivelo a loro. (risata, Nd).”

I miei teologi, con le dottrine da me ispirate. Oh questi sì che costituiscono la mia “punta di diamante” di prima trincea! Che teologi intelligenti! Essi hanno capito che quei dogmi rigidissimi, dettati da certi sciocchi capi ecclesiastici, in realtà sono delle falsità puerili, che crollano al semplice confronto con la realtà quotidiana. Che bravi…bravissimi! Del resto, li ho portati ad insegnare le mie dottrine non soltanto nei seminari ordinari, ma persino nelle più alte e prestigiose Università Pontificie, persino in quella romana del vostro prete bianco (il papa, Nd). La dottrina della “morte di dio” l’ho ispirata io e, con essa, mi sono venuti dietro milioni di studiosi, che sono diventati miei discepoli e fedeli convinti. Da quando io regno, il vostro Dio è morto non esiste più. E finita ogni legge costrittiva: tutti possono e devono vivere liberamente, come insegno io: libertà di idee, libertà di pensiero, libertà di azione…ognuno è liberissimo finalmente di agire e fare quello che crede e vuole, ovunque e sempre, e con chiunque. Non esiste più norma né regola. Ciascuno è come sono io, padrone di tutto e di tutti: il vostro Dio è morto! E chi potrebbe negarlo; se lo stesso vostro crocifisso ha dichiarato che io, solo io, sono “il principe di questo mondo”? E se lui stesso ha detto che “tutto il mondo è in mia insindacabile balia e padronanza”? Finalmente questi teologi, i più intelligenti in assoluto, mi hanno dato ragione.”

“Ma se Dio è morto, allora è chiaro che sono crollati tutti gli altri dogmi: la Creazione; l’Incarnazione, la Resurrezione, l’Immacolata; l’Assunzione, l’Eucarestia e tutti i Sacramenti… tutte storielle inventate per tenere costretti gli allocchi cristiani. Ed ecco centinaia e centinaia dei miei teologi, che hanno persino il coraggio di sfidare il prete bianco (il papa, Nd) con lettere e firme. Che provi il contrario, se ha il coraggio e se è capace. Ha scrollato la testa e ha lasciato, i miei teologi, che continuassero questi insegnamenti, senza il minimo rimprovero né punizione. Dunque anche lui è d’accordo con me, nella negazione di tutti i suoi dogmi…ma che bravo! (risata, Nd). E mentre questi grandi teologi sono con me, vi sono altri piccoli teologi untorelli che, per rivalsa, negano la mia esistenza, come fiaba da medioevo; rinviando tutte le mie presenze e manifestazioni a fatti unicamente psichiatrici e psichici. Bravissimi, questi teologi, questi preti…tanti vescovi…bravissimi! È il servizio migliore che mi potete fare: farmi agire silenziosamente, senza minimamente lottare contro la mia presenza e le mie astuzie. Bravissimi, fate sempre così e io continuerò la mia opera infernale senza colpo ferire! I miei teologi intelligenti negano i dogmi della vostra Chiesa e teologi stupidi negano la mia esistenza…Che trionfo…(risata, Nd). Ma allora dove sono più gli eretici di una volta? Nessuno! Né chi nega i dogmi, né chi nega me, che pure nell’elenco dei dogmi era anche quello della mia esistenza! Ho vinto la vostra Chiesa.”

Ciò che non piace al maligno

La confessione…che stupida invenzione. Quanto mi fa male…mi fa soffrire…il Sangue di quel vostro falso Dioquel Sangue mi schiaccia…mi distrugge…lava le vostre anime e mi fa scappare…(strilli orribili di pianto, Nd)…quel Sangue…quel Sangue…è la mia pena più atroce…però ho trovato quei preti che non ci credono più alla Confessione e mandano i cristiani a ricevere quel falso Dio in peccato. Bene, bene…bravissimi…quanti sacrilegi faccio commettere.”

Il pasto dove mangiate la Carne e il Sangue di quel Crocifisso che ho ucciso io. E qui mi trovo disarmato…non ho più le forze per lottare…quelli che si nutrono di questa Carne e bevono di questo Sangue diventano fortissimi contro di me, diventano invincibili alle mie scaltre seduzioni e tentazioni, sembrano diversi dagli altri, sembra abbiano una luce speciale e una intelligenza velocissima…mi fiutano subitaneamente…e si allontanano da me e mi scacciano come se fossi un cane…che tristezza, che dolore aver a che fare con questi cannibali…(strilli di pianto!). Ma li perseguito ferocemente…e tanti vanno a mangiare quell’ostia in peccato! (ride, Nd) Che contento…che gioia…odiano il loro Dio e lo mangiano! (ride, Nd) Vittoria mia…vittoria mia…urrah…urrah…”

Quanto sono insensati quelli che perdono ore e ore di giorno e di notte, in ginocchio, ad adorare un pezzo di pane nascosto in una scatola sull’altare di quel falso Dio (e’ l’ora di adorazione, Nd). Quanta rabbia mi fanno queste persone! Mi distruggono tutte le mie opere, che ottengo da tanti sacrileghi cristiani, preti, suore e vescovi…Quanti sacrileghi mieto in continuazione, è una mia incessante vittoria. Quanto dolore…quanta rabbia queste adorazioni irrazionali!”

Odio il rosario…quell’arnese guasto e marcio di quella donna lì, è per me come un martello che mi spacca la testa…(urla di dolore, Nd)! È l’invenzione dei falsi cristiani che non mi ubbidiscono, per questo seguono quella donnaccia! Sono falsi, falsi. Invece di ascoltare me che regno su tutto il mondo, questi falsi cristiani vanno a pregare quella donnaccia, mia prima nemica, con quell’arnese…oh quanto male mi fanno…(strilli di pianto, Nd).”

Il male più grande di questo tempo, per me, sono le continue presenze di questa donnaccia (le apparizioni, Nd) in tutto il mondo…in tutte le nazioni appare e mi perseguita, strappando dalle mie mani tante anime…migliaia e migliaia…per ascoltare i suoi falsi messaggi. Per fortuna mi difendono i vescovi e i preti miei che non credono a quella ignobile donna…non credono e così apportano scompiglio…bravi, bravi questi miei apostoli dell’eresia…(risate, Nd).”

Ma ciò che maggiormente mi distrugge è l’asinesca obbedienza a quell’uomo, vestito di bianco (il papa, Nd), che comanda a nome del falso redentore e del falso vostro salvatore…che asini…pecore…che consigli! Obbedire a quell’uomo che ama quella donnaccia lì che mi perseguita da sempre…che vergogna…questo mi distrugge il mio regno. Ma io ho suscitato centinaia di preti, frati, teologi e vescovi che gli fanno la guerra…guerra senza frontiere a quel pagliaccio bianco. Vincerò io; vincerò io! (risate forti, Nd). Lo farò morire, assassinare; una brutta fine gli farò fare. È odioso ai miei seguaci, quel polacco che ama quella donnaccia lì…che propaganda il rosario di quella ignobile donna, come la sua preghiera preferita…che vigliacco…che asino…mi schiaccia…mi schiaccia! (urli di pianto, Nd)”

Molto mi preoccupano quelle servette con la testa fasciata (le monache di clausura, Nd), che abbandonano tutti e tutto per rinchiudersi entro quattro mura, per sacrificare tutto ciò che è bello e buono per quel Dio che solo io sono riuscito a vincere. Giorno e notte si mortificano con veglie e digiuni incoscienti e inconsistenti…non dormono sufficientemente…non mangiano secondo le necessità dell’appetito e del corpo, che reclama il vitto necessario…non parlano liberamente ovunque e sempre…taciturne…ammusonite…piene di tristezza, la più disumana…pregano…cantano…e tutto questo sacrificio per chi lo fanno? Per quali motivi particolari…per quali fini…con quali risultati?”

“La stragrande maggioranza, per fortuna, sono persone poco e punto intelligenti…ottuse di mente…abuliche di volontà…che si sono lasciate trascinare da qualche prete insoddisfatto. Povere donnicciole, che non sanno e non conoscono il vero piacere del sesso con tutte le relative gioie che esso dona! Povere servette, che non hanno sentito mai le sensazioni della carne procurate dagli amplessi e dai baci dei miei uomini! Eppure quante ne faccio cadere, le riduco ad una vita grama, sterile, prive di ogni fervore, gettandole nel massimo della tiepidezza…Sì, ne devo fare una vera strage…perché soprattutto di queste claustrali ho paura…ho paura terribile! Sono i nemici miei più terribili e agguerriti, mi strappano dalle mani tante anime di ogni sesso, di ogni classe e condizione…che nemici terribili…quando incominciano a pregare per la conversione di un’anima da strapparmi, non la smettono più…più…più…sono tenaci e caparbie! Se poi non bastassero le lunghe ed estenuanti preghiere alloro falso Dio Crocifisso, del quale si chiamano spudoratamente sue “spose”, allora incominciano con le estenuanti penitenze di ogni genere…che nemici…che soldati di primo assalto! Ho tentato tante volte di diminuire le vocazioni a questa stupida vita…ma purtroppo non ci sono ancora riuscito…sono troppe ancora le donnette stupide e sciocche, anche se tante volte siano perfino laureate e diplomate…che nemici!

Ci sono poi i miei veri persecutori acerrimi e accaniti…sono quelli che si fanno chiamare “esorcisti”. Che brutta genia…che disgrazia nel mondo…per fortuna ce ne sono ancora pochi, pochissimi, perché io dissuado i vescovi a nominarli…e questi mi credono e mi ubbidiscono, anche contro il comando del loro Dio Crocifisso che comandò loro: “In mio nome, scacciate i demoni”. Che buffone! Questi vescovi hanno paura di me, tanta, tantissima! lo già li possiedo nella forma sia pure delicatissima perchè non se ne accorgano, ma li possiedo…e non faccio fare a loro gli esorcismi contro di me e neppure permetto loro che nominino esorcisti…che nemici feroci! Molte volte sono riuscito a vendicarmi, a punirli, a schiaffeggiarli, a bastonarli, a fermarli con tante e svariate malattie; a volte anche gravi. Ma purtroppo, non cedono…non cedono. E quando essi si avvicinano alle mie prede, devo scappare…o presto o tardi devo fuggire…che preghiere fanno…e sempre in nome di quel loro Dio e di quella loro donna madre del Crocifisso. Oh, che dolori, che strazio per me!”

Annunci