Sono ancora sotto schock per la notizia appresa da pochi minuti. Sono settimane che cerco un blu-ray del meraviglioso C’era una volta in America ma, purtroppo, tutte le edizioni esistenti risultano essere fuori catalogo da ormai vario tempo. Dalla prima fino all’ultima, uscita nel 2014, sono ormai introvabili. Sempre che non vogliate spendere 185 per comprare una delle edizioni disponibili su amazon (follia). E’ pur vero che altrove, tipo ebay, si può avere piu fortuna. Oggi torno su google alla ricerca di qualche edizione superstite, venduta magari da Gino di Roma, che vuole disfarsi della sua copia e la vende generosamente a non piu di 15 euro in qualche sito. Nel frattempo, penso “prima o poi dovranno ristamparlo e rimetterlo in commercio, non potrà rimanere fuori catalogo in eterno”. Non trovando nulla, torno su amazon, dove scopro una nuova edizione dei capolavori di Leone quali Giù la testa, C’era una volta il West e Il buono il brutto e il cattivo. Noto che le edizioni blu-ray sono nuove, hanno una cover dorata ai bordi e sono prossime all’uscita (la data di pubblicazione segna 6 aprile).

Allora mi dico, se stan facendo nuove riedizioni di questi classici per il mercato home-video, e in pratica si tratta di tutti i film di Leone, non potrà allora mancare anche una nuova riedizione di C’era una volta in America. Cerco così nella barra di ricerca di amazon il titolo del film e, con mia grande sorpresa e stupore, scopro che la nuova versione blu-ray c’è anche per questo magnifico capolavoro. Anche per il film piu bello del mondo è prevista quindi questa nuova edizione con cover dorata ai bordi, facente parte della collana di ristampe dei classici di Leone. Uscirà il 6 aprile e costerà la bellezza di 11,66 euro. A volte ritornano…Bestiale. 

81vmsksdyhl-_sl1500_
Ecco la nuova edizione in arrivo il 6 aprile.
america_extended_usa_digibook.jpg
Il blu-ray digibook della versione americana uscita anni addietro. Contiene il master restaurato da Cineteca di Bologna.

Ne parlavo giusto l’altro giorno col mio videonoleggio di fiducia, riguardo l’inesistenza di una versione reperibile a basso costo e la follia del prezzo fissato a 185 euro per la versione disponibile su amazon. E proprio oggi mi chiedevo quando lo avremo rivisto sugli scaffali del rivenditore di turno. Et voitla, accontentato. Ma adesso si spera solo che tutte le caratteristiche del prodotto saranno all’altezza. Riguardo le specifiche, non si sa nulla. Se sarà l’edizione integrale da 250 minuti o il cut originale da sala da 229 minuti, non si sa. Non si hanno notizie sulla natura e sul trattamento del master, se sarà lo stesso derivato dal restauro 4K realizzato da Cineteca di Bologna (sicuramente), se avrà lo stesso trattamento dell’edizione precedente, o se sarà, per la prima volta nella storia italiana, trasferito su due dischi a doppio strato da 50giga con un generoso encoding ad alto bit-rate (che è quello che tutti han sempre sperato e sognato fin dalla prima edizione in BD).

O se invece subirà il medesimo trattamento editoriale, quello solito, magari in veste update +1, con il master integrale stipato in un unico disco, praticamente come sempre, e con un bit-rate sensibilmente ottimizzato rispetto all’ultima condizione raggiunta (che viaggiava a 14mpbs+). Se insomma sarà una semplice ristampa del disco precedente inserito in una confezione diversa o se invece sarà frutto di un nuovo lavoro di manodopera editoriale di un certo tipo (con nuovo encoding, dati compressi senza perdite, master in FHD da sorgente 4K pari alle potenzialità massime possibili nei limiti del supporto, nuovi extra, etc) dovremmo aspettare l’uscita del prodotto, che avverrà tra poco piu di un mese, per poterlo sapere. Io sto già salivando, considerando la folgorante bellezza di questo capolavoro e il suo magnifico aspetto restaurato; nonostante non acquisti piu blu-ray (noleggio a manetta), questo film è l’unico, od uno dei pochi, per il quale farei una straordinaria eccezione.

Il problema storico in ambito home-video di C’era una volta in America.
Il problema storico delle edizioni blu-ray italiane (di quelle estere non saprei dire) di C’era una volta in America sta proprio nel processo editoriale di authoring svolto da Warner Bros Italia lungo le varie edizioni distribuite nel corso degli anni, e non nella qualità a sè del master video, realizzato e fornito da Cineteca di Bologna. Il master è uno dei più belli dell’universo, restaurato fotogramma per fotogramma in 4K e pari al residuo sorgente del O-NG, con una qualità visiva fuori dal mondo ma, purtroppo, è stato o del tutto sgraziato, o in larga parte sotto-dimensionato da un trattamento editoriale non all’altezza della domanda, frutto di un lavoro di authoring eseguito con sufficienza, con il master stipato in un unico disco, impliciti problemi di compressione evidenti (ricordate l’edizione con artefatti di compressione?), basso bit-rate e qualità dell’immagine non proporzionale alla qualità del master fornito da Cineteca di Bologna. Con l’edizione 2014, le cose erano sensibilmente migliorate rispetto alla versione precedente. Speriamo ora che questa sia la volta buona per avere la versione definitiva, possibilmente integrale e con doppiaggio originale d’epoca. La scelta definitiva e vincente sarebbe l’utilizzo tanto agognato e voluto dei due dischi a doppio strato da 50giga dentro ai quali stipare l’opera di Leone, garantendo un encoding da paura, ad alto bit-rate. Altrimenti, anche una “semplice” ristampa del disco precedente, intatto nelle caratteristiche squisitamente tecniche, non sarebbe male, considerando che era la versione meno peggio tra le peggiori, e quindi la migliore disponibile sul mercato, sia per demeriti altrui, sia per meriti propri effettivi (era effettivamente un miglioramento rispetto a qualsiasi edizione precedente). La mia impressione è che, alla fine, sarà una semplice ristampa con differente amaray, ma vedremo. Io non vedo l’ora.

Annunci