L’amore perduto


Quando qualcuno pensa al suo primo amore adolescenziale, è difficile che possa ancora provare attrazione, sentimento o anche solo desiderio nei confronti di quel primo amore avuto a…quanto? 13, 14 o forse 15 anni. Questo perchè, io credo, dal primo amore fino a mettiamo 25 anni, ci passano, potenzialmente, mille storie d’amore. Hai la tua prima relazione seria a 14 anni, ma poi finisce e prima di compierne 18 ti ritrovi con almeno altre due, tre storie d’amore vissute. O anche una soltanto. Che, se è vera, è sufficiente per ridurre quella precedente a “la vecchia storia d’amore ma ormai amo te”. Quindi, man mano, quelle precedenti vengono smaltite e ridotte emotivamente fino a non contare nulla. Può rimanerti il bel ricordo, sicuramente, ma di certo se pensi a quella lei avuta a 14 anni, è difficile che il tuo cuore pensi oh, quanto vorrei poterla incontrare di nuovo oppure mi manca cavolo…mancarti? Il primo amore di quando avevi 14 anni? Intanto hai 25 anni e sei già fidanzato con un altra! E la ami. E il tuo cuore è, in buona parte, piena di lei, a lei rivolto e da lei sentimentalmente alimentato.

E magari prima di questo tuo amore che stai avendo ora, a questa età, ne hai già avuti altri di amori, altre di storie, quindi è del tutto impossibile pensare che il tuo cuore generi qualcosa rivolto ancora a quella prima lei avuta in tenera età. E’ come pensare che a 27 anni puoi provare emozione, un desiderio o una voglia matta di riavere quel giocattolo con cui passavi i pomeriggi a 7 anni, per poterci rigiocare in cameretta. Sei cresciuto e ai giocattoli non giochi piu. I tuoi sentimenti sono cambiati: non provi piu niente per i pupazzi e di certo non chiederesti a tua madre di comprartene uno. Piuttosto ora il tuo cuore dice fidanzata, calcio, sport, uscite, cinema o qualsiasi altra cosa.

Capita, però, che certe persone hanno avuto una storia a 14 anni che magari è finita a 15. E da allora non hanno mai più avuto una storia d’amore. Il loro cuore non è mai piu stato innamorato di nessun’altra perchè, semplicemente, non hanno più avuto nessun’altra. Non hanno avuto una ragazza che si sostituisse a quella precedente, e quindi anche dopo anni faticano a smaltire i sentimenti di quel primo amore avuto. Lei, però, è stata piu fortunata di voi: magari vive a Roma, magari ha avuto altre dieci storie e voi non esistete piu per lei, siete solo un flashback del cervello, un dato visuale smaltito e parzialmente degradato che risiede soltanto nelle camere della memoria e che, tra l’altro, non viene neanche piu rievocato. Probabilmente non ricorda nemmeno piu la vostra faccia, e se la incontrereste vi direbbe “Chi? Ah, si, forse ricordo…ho qualche flashback”.

Ecco quindi che chi non ha piu avuto storie d’amore, potrebbe ritrovarsi in età adulta, magari a 25, o magari a 27 o magari a 30 anni, con il pensiero che vola ancora a quella lei di dieci-dodici anni prima. Un altra non ne hai avuta, e di seguito, per quanto sia finita, per quanto non la ami piu, il tuo pensiero non ha variabili tra cui scegliere, la tua mente non ha altre informazioni, altri ricordi, altre alternative, per cui alla voce “fidanzata” è lei a venire automaticamente proiettata. Che poi, magari, nonostante sia tutto finito, provi ancora qualcosa. Tipo: un sentimento di malinconia, di nostalgia o di affetto. Qualcosa che ti dice “però, se non l’avessi persa…”. Perchè lei è stata l’unica creatura umana, ancora vivente in terra, a darti amore, a farti una carezza, a cantarti Patience dei Guns n’ Roses mentre dormivi, ad amarti davvero, e se non hai piu avuto una storia, i ricordi sentimentali, quelli da “storia con una ragazza”, da cosa attingono?

Da lei, ovviamente. Sono li nel tuo cuore e non riesci ad analizzarli, nè a capire come ti siano rimasti dentro. Perchè in effetti ormai è finita, e non provi piu niente. Ma c’è ancora quel sentimento di nostalgia. O quel sentimento del rimorso, che quasi ti dice che non avresti dovuto perderla, che ci potevi crescere assieme negli anni a venire. Che però lei, quel sentimento, non prova e non proverebbe piu. Dopotutto, ne ha avuti altri di fidanzati. La sua mente è piena e quelli venuti dopo han sostituito quelli precedenti in modo del tutto naturale. Ma tu no. Nè il cervello nè il cuore possono scegliere delle varianti alternative. C’è solo lei. Altre non ne sono venute. Non la ami piu, ma qualcosa è rimasto. Magari in realtà non c’è niente…ma quella sorta di “mi piacerebbe poterla rivedere” che va contro te stesso, permane.

Non ti resta che cancellare i residui. E dimenticarla per sempre. Perchè lei intanto è perduta, e per sempre. E gli anni sono passati, e non puoi pensare, nemmeno per tre volte l’anno, ancora al suo volto. E a te tocca trovarne un altra, perchè desideri fidanzarti; un’altra ragazza che però non arriva. E allora sei ancora lì che vedi il suo volto, e non va bene. Anche se tutto è finito, è come se al tuo cuore non dispiacerebbe poterla riavere. Ancora una volta. Anche se l’amore è perduto, e vivi la tua vita senza pensarci o rimuginare sui sentimenti. Però, è come se aver perso quell’unico amore che tu abbia mai avuto, quasi ti fa dispiacere, anche se alla lontana. E allora lo accetti e cerchi solamente di vivere, cancellandola dalla tua vita, anche dopo dieci o sedici anni, perchè non te lo fa fare nessuno di pensare a qualcosa che ormai è storia e che non tornerà più. E così si guarda avanti, e magari quell’eterno single riuscirà finalmente a fidanzarsi, senza piu riallacciarsi ai ricordi passati.

Annunci

Un pensiero su “L’amore perduto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...